Green River: Unwind - Recensione e video su HVSR.net
Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Sul look ci lavoriamo domani

Green River

Unwind

Prima che il suono del Nord Ovest Pacifico fosse sintetizzato in un termine di sei lettere, a Seattle esisteva una sola band destinata – o almeno così si pensava – a varcare i confini regionali: i Green River.
Era la band di Mark Arm, istituzione punk della città, Steve Turner (poi sostituito da Bruce Fairweather), Stone Gossard, Jeff Ament (futuri Pearl Jam), e Alex “Vincent” Shumway .

Unwind, un blues punk corposo e ruvido, è una delle cinque tracce di Dry As A Bone, loro secondo Ep. Seguirà un album, l'ultimo, e poi i Green River si dissolveranno. Insanabili, le fratture interne: una metà della band desidera il successo planetario e il contratto con una "major"; l’altra metà intende restare fedele ai dettami del punk.

Chi vince, in questa annosa diatriba? Tutti: perché la compagine del mainstream confluirà nei Mother Love Bone di Andy Wood; la compagine pura e punk formerà i Mudhoney (che comunque firmeranno con una major).

Dry As a Bone sdogana a tutti gli effetti il sopracitato e discusso termine a sei lettere: il comunicato stampa, a opera della Sub Pop, descriveva l’Ep come “un "grunge" ultra-scazzato che ha distrutto la morale di un’intera generazione”.

Se la parola “grunge” esiste, dunque, è colpa dei Green River.
Prendetevela con Mark Arm.

HVSR per posta: