New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Depeche Mode: Wrong (Sounds of the Universe, 2009)
L'auto protagonista della marcia in senso contrario del video ufficiale. Non finirà benissimo.

Depeche Mode
Wrong (Sounds of the Universe, 2009)

In direzione ostinata e soprattutto contraria.

Sounds Of The Universe è lontano dall’essere un album perfetto. Ma questo l’abbiamo capito dopo. Quando uscì Wrong, primo singolo che faceva da apripista al nuovo lavoro del 2009, a distanza di 4 anni dal precedente Playing The Angel, una ventata di ottimismo si diffuse tra gli estimatori della band inglese: Wrong era - è - semplicemente un brano eccezionale. Inequivocabilmente Depeche Mode, eppure con un suo profilo peculiare, originale, con quel “wroooong” corale in controtempo che fa da contrappunto a tutto il pezzo; con le sue atmosfere plumbee, angosciate; con il suo incedere quadrato, ripetitivo, come stesse seguendo lo schema di un canone d’altri tempi.

Tutto, completamente tutto, è sbagliato: ma solo nel contenuto delle liriche, perchè la verità è speculare: il brano è perfetto. Mentre il testo non lascia dubbi di interpreatazione circa il suo voler rappresentare (sono parole di Martin Gore) “una riflessione su una vita di errori, misfatti e pessime decisioni” - salvo il sospetto che in tutto questo rimpianto ci sia quasi un elemnto di predestinazione: “I was born with the wrong sign / In the wrong house / With the wrong ascendancy / I took the wrong road / That led to / The wrong tendencies / I was in the wrong place / At the wrong time”.

Notevole è anche il video di Patrick Daughters: una piccola opera d’arte in grado di rivaleggiare con Anton Corbjin quanto a capacità immaginifica e simbolica, con meno fotografia e qualche effetto speciale in più. Aneddoto: vi compare anche Julian Gross, batterista dei Liars. Purtroppo il resto del disco, pur ricco di gemme, non ha saputo mantenersi sugli stessi livelli. Ma fin che è durata, Wrong è stata una bellissima illusione, per quanto… sbagliata.

Depeche Mode Wrong Depeche Mode 

↦ Leggi anche:
Traccia: Depeche Mode: Ghosts Again
Storia: Depeche Mode: the best of the rest
Traccia: Depeche Mode: Where's The Revolution?
Traccia: Humanist (feat. Dave Gahan): Shock Collar
Traccia: Martin Gore: Mandrill
Traccia: Stella Rose: Muddled Man

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!