New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Röyksopp (feat. Susanne Sundfør): Stay Awhile
Strano che la foto non sia venuta mossa

Röyksopp (feat. Susanne Sundfør)
Stay Awhile

La solitudine e il bisogno di intimità di ogni essere umano.

Torbjørn Brundtland e Svein Berge stanno insieme – artisticamente parlando – dal 1998. Qual è il segreto di un rapporto così longevo, verrebbe da chiedere? Hanno imparato a comunicare in modo efficace? Vanno al cinema assieme almeno una volta ogni quindici giorni? Frequentano con profitto un corso di salsa? Macché: la verità è che sono una coppia aperta.

Hanno maturato la libido del featuring, l’eccitazione del mettere un’ugola sempre diversa dietro al microfono, conoscono il fascino discreto della collaborazione. E in 24 anni di storia hanno selezionato un entourage di partner che periodicamente si prestano e ci mettono del proprio, non di rado contribuendo a musica e liriche: Karin Dreijer Andersson (The Knife, Fever Ray), Robyn, Jamie Irrepressible, Alison Goldfrapp. E, ovviamente, Susanne Sundfør, una delle cose migliori che sia emersa dalla scena musicale norvegese negli ultimi dieci anni.

Un brano come Stay Awhile, che «tratta della solitudine, e del bisogno fondamentale di intimità che ha ogni essere umano» (parole di Svein Berge in un’intervista) è pensato per rientrare a pieno titolo nella categoria dei grandi singoloni synth pop dei Röyksopp, al fianco di classici come What Else Is There? (di cui ha gli stessi bpm), Monument, The Girl and the Robot e numerosi altri. “Solo” un buon pezzo, che con l’interpretazione della Sundfør diventa una traccia davvero notevole.

Röyksopp Susanne Sundfør Torbjørn Brundtland Svein Berge 

↦ Leggi anche:
Storia: Robyn: cronache di un miracolo
Traccia: Röyksopp: The Ladder

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!