New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Porridge Radio: The Rip
Ciao mamm papà, guarda come mi diverto!

Ginnastica indie per allenare il cuore a spezzarsi meno facilmente.

Dana Margolin non si stancherà mai di sottolineare che i Porridge Radio sono diventati qualcosa giusto per sbaglio. Al punto che ora – quando è arrivato sul serio il momento di calare l’asso o abbandonare il tavolo a tasche vuote – non manca di ribadire le distanze dalla lunga, fiorente coda di giovani e ambiziose quanto verbose band britanniche che si prendono a schiaffi per trovare spazio nel calderone post-punk. Lo fa chiamando in causa, come sue principali influenze, arena-pop act come i Coldplay, o combo nu metal dal cuore emo come i Deftones. «Sono cringe come me», dice.  

Scherza, ovviamente. Ma fino a un certo punto. Perché, se da un lato continua a valere il saggio consiglio “ricetta che vince non si cambia” dall’altro il sospetto che la loro versione della zuppa d’avena dolce, modulata in frequenza e tirata in faccia a una distesa di gente dentro uno stadio strapieno, funzioni addirittura meglio dell’ormai testata fruizione masturbatoria in cuffia che era toccata alle loro ultime fatiche, causa lockdown. 

E allora ecco che gli allegri accordi tintinnanti appena bagnati in distorsioni giusto accennate diventano riff da sparare nell’amplificatore, pronti comunque a essere smentiti in tempo reale da un’anima nera che finisce per strangolarsi e rischiare di soffocare nel proprio sarcasmo. Il resto si materializza a partire da una frammentaria disorganicità lo-fi fino a disegnare forme intriganti di un suono più che personale, abilmente condito di parole e rumore che vanno a creare mantra meme-ready da urlare al vento con il sospetto di un sorriso sulle labbra, ma allo stesso tempo da buttare via prima che vadano a male.

Perché cercare una sorta di gioia attraverso la ripetizione è stata la chiave con cui la band di Brighton ha messo a tacere le proprie (e le nostre) paure fin dall’inizio. E d’altro canto l’indie inglese D.O.C. si è contraddistinto nei secoli dei secoli per un certo tipo di sdolcinato magnetismo, una tristezza a metà che sa esattamente dove tracciare la linea oltre la quale finisci per compatirti troppo, e quindi risultare ridicolo.

In altri termini: l’esistenzialismo è complicato da fare a vent’anni, ma è anche vero che quello è l’unico momento in cui l’esistenzialismo ti può salvare la vita. E soprattuto, vale la pena ricercarlo quando suona bene così. The Rip lo conferma: un cuore in frantumi, che fa male in tutto il resto del corpo, la nostalgia di rifare scelte sbagliate e chili di rabbia da sputacchiare in faccia alle maschere di cartapesta dei tuoi fantasmi. Scappare all’infinito, come su un tapis-roulant, realizzando che correre fa sempre bene, anche dalla parte sbagliata, e che gridare una volta ancora «and now my heart aches» è un atto di coraggio, non solo fonte di sollievo. Perché ogni ritornello è una terapia. O una dichiarazione di guerra. In questo caso, entrambe.

Porridge Radio Dana Margolin 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 1 persone!