New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Blut Aus Nord: Tales of the Old Dreamer
Non facciamoci riconoscere

Blut Aus Nord
Tales of the Old Dreamer

All’inferno senza ritorno.

«Il vecchio mondo sta morendo. Quello nuovo tarda a comparire. E in questo chiaroscuro nascono i mostri» diceva Antonio Gramsci.

La storia si ripete, e mentre al piano di sotto un’umanità modello Dorian Grey fa finta che tutto vada bene stappandosi una bottiglia di Cristal ordinata su Deliveroo, al piano di sopra il suo ritratto non solo invecchia, ma marcisce, assomigliando sempre di più a un mostro, appunto.

La colonna sonora ideale per l’establishing shot nella stanza infernale dove è custodito idealmente il dipinto, è Tales of the Old Dreamer, tratta dall’ultimo album dei Blut Aus Nord. Quasi sette minuti in cui il deus ex machina Vindsval e i suoi fidi alleati miscelano sapientemente post-black metal, industrial, ambient, shoegaze e dissonanze lisergiche che risucchiano l’ascoltatore all’inferno per poi risputarlo in un buco nero e indietro.

Accompagnato da uno splendido video d’animazione altrettanto angosciante, il brano è una discesa a spirale in gironi ancora senza nome, un’esperienza totalizzante più che un semplice ascolto. Un modo magistrale, da parte della band francese, non solo di mettere un altro tassello dorato nella sua già brillante discografia, ma anche di autoconfermarsi come una delle realtà migliori e più innovative del metal estremo nella sua più larga e “altra” accezione.

Blut Aus Nord 

Vuoi continuare a leggere? È gratis ed è semplicissimo: iscriviti alle newsletter di Humans vs Robots!

Tutti i contenuti del sito sono disponibili gratuitamente, basta un indirizzo email. Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’e-mail è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 15 persone!