New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Bill Callahan: Lily
Il sorriso di chi ha pubblicato un gran bel disco

Ritrovarsi maturi, di nuovo.

Ovvero: storia di un’ispirazione ritrovata. A Bill Callahan è servito tempo per conquistare un’altra maturità dopo gli Smog, il “paravento” dietro il quale si è nascosto – ma soprattutto distinto – negli anni ‘90 come un Leonard Cohen della Generazione X. Da poeta che racconta l’amore e la vita con occhi pieni di sarcasmo e umorismo senza rinunciare alla dolcezza, si è misurato con la propria consolidata cifra stilistica, facendo i conti con la tradizione lungo una serie di album che nella loro scostante umoralità indicavano una ricerca di sé.

Alla fine, YTILAER (che sta per “reality” al contrario: sempre spiritoso, il nostro uomo) centra il bersaglio recapitando un lavoro in cui ogni ingrediente è dosato con attenzione, con arrangiamenti scarni però puntuali e uno standard compositivo a livelli elevatissimi. Non butti via nulla, qui: non il blues prebellico attualizzato à la Nick Cave, non le ipotesi di un Five Leaves Left trasferito a Nashville, non ballate che trovano la quadra tra Fred Neil, Johnny Cash e Lee Hazlewood, non le canzoni che colmano la distanza tra Lou Reed e Jeff Mangum.

Infine, è un songwriter riconoscibile a imporsi e dimostrare di possedere di nuovo il senso di necessità che dovrebbe sempre legare l’autore ai dischi e la naturalezza e la spontaneità necessarie a renderli importanti. Da un’opera convincente come non ne sentivamo da Wild Love, peschiamo una Lily tanto più travolgente quanto più si porge scarna e confessionale. Bentornato, amico.

Bill Callahan Smog 

Vuoi continuare a leggere? È gratis ed è semplicissimo: iscriviti alle newsletter di Humans vs Robots!

Tutti i contenuti del sito sono disponibili gratuitamente, basta un indirizzo email. Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’e-mail è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 15 persone!