New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Airghoul: Orange Forest
D'accordo le mascherine, ma qui stiamo esagerando

Non solo ghosting.

Nella sacrestia di Papa Emeritus da anni volano gli stracci: quando si parla di royalties non c’è entità infernale che tenga, alla fine vengono sempre evocati gli avvocati. La disputa legale ha innescato un certo turn over tra i Ghouls, ovvero i musicisti mascherati che collaborano nei Ghost di Tobias Forge (il quale da allora non perde occasione di ribadire che «i Ghost c’est moi»), e oggi gli ex membri della formazione svedese potrebbero, visto il numero, mettere su agevolmente una squadra di calcio a 7 con abbondanza di riserve.

Il lato buono della cosa è che tra gli ex Ghost c’è gente davvero in gamba, ai cui progetti musicali successivi il successo dei Ghost ha sicuramente fatto da traino: su tutti, Priest (andate a riprendervi un pezzaccio pazzesco come A Signal in the Noise) e Airghoul, progetto solista di Mauro Alan Rubino, già tastierista con i Ghost (dove militava per l’appunto con lo pseudonimo di Air Ghoul) e con gli stessi Priest.

Tutto chiaro? Non importa – concentriamoci su Orange Forest: troppo facile liquidare il pezzo (strumentale) come synth pop in quota nostalgia anni ‘80, se non altro perché qui le radici affondano (anche) nel decennio precedente e hanno a che fare (anche) con roba nostrana: i Goblin di Claudio Simonetti, Giorgio Moroder, ma anche i Rondò Veneziano di Federico Naggiar e Gian Piero Reverberi.

E d’altra parte Rubino è un ragazzo del ‘56, non è che ce la si può cavare tirando in ballo i soliti Depeche Mode.

Airghoul Priest Ghost Tobias Forge Goblin Rondò Veneziano Mauro Alan Rubino 

↦ Leggi anche:
Ghost: Hunter's Moon
Ghost: Dance Macabre
Lucifer: Bring Me His Head
Death SS: Zora
Magna Carta Cartel: Silence

Vuoi continuare a leggere? È gratis ed è semplicissimo: iscriviti alle newsletter di Humans vs Robots!

Tutti i contenuti del sito sono disponibili gratuitamente, basta un indirizzo email. Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’e-mail è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 15 persone!