Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Wu-Tang Clan: Harbor Masters
Chamber Music – 2009
↤ Tracce

Chicche in formato compilation.

Wu-Tang Clan
Harbor Masters

Gli album ufficiali firmati dal clan dopo The W saranno tutti medio-buoni (dal discontinuo Iron Flag all’ottimo 8 Diagrams), ma la vera chicca è una compilation laterale e spesso trascurata: Chamber Music. All’appello mancano diversi membri storici del collettivo (da GZA a Method Man) e infatti il disco non viene annoverato tra gli LP effettivi del gruppo. Eppure rappresenta un’orgogliosa e riuscitissima dichiarazione di intenti che sarebbe un peccato tralasciare.

C’è sempre RZA come produttore esecutivo, e infatti anche a questo giro si sprecano i riferimenti a campioni jazz e sample di kung-fu movies dimenticati, ma stavolta la novità principale e più croccante è che le basi sono per lo più suonate live da una vera e propria band di Brooklyn, i Revelations. L’operazione si configura così come un tentativo di omaggiare l’ormai storico sound made in Wu-Tang donandogli una sfumatura ancora più calda, analogica e vintage. Se a tratti sembra di sentire delle basi dei Roots, in altri momenti è quasi impossibile capire se si stia ascoltando una band che suona o un campionamento.

Quel che è certo è l’avere una goduria tra le orecchie, tra archi che profumano di exploitation movie (Radiant Jewels), pezzoni soul d’altri tempi (I Wish You Were Here, con un sontuoso ritornello di Tre Williams), giri di basso tanto semplici quanto ammalianti (Ill Figures) e tanto altro ancora.

In tutto questo, i tanti ospiti presenti (oltre al clan compaiono anche nomi grossi come Havoc dei Mobb Deep) si preoccupano anzitutto dir appare al meglio e confezionare un disco di hip hop vecchia scuola senza tanti fronzoli: il pezzo simbolo è senza’altro il panzer Harbor Masters, con due magistrali Ghostface Killah e Inspectah Deck.

Luca Roncoroni
Luca Roncoroni

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Hip Hop  February 2022  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.