Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Turnstile: Blackout
Non provate a etichettarci
↤ Tracce

La forma alternativa dell’hardcore moderno.

Turnstile
Blackout

I Turnstile sono una band da prendere sul serio. Una di quelle, almeno, che continua a portarsi dietro il nome di una certa new shape of punk to come che, in tempi non sospetti, avrebbe dovuto scardinare le fondamenta dell’alternative music e che poi si è arenata in troppe pose e nuove gabbie di genere e pubblico.

Spento l’impeto dei Refused, è infatti la band di Baltimora – appena entrata nella seconda decade di attività – che sembra ridestare un interesse specifico per l’hardcore punk contaminato e ipercolorato. Nessun cenno di sperimentalismi azzardati, quanto più un mood davvero inusuale nell’uso dei canali social, hanno portato i Turnstile a essere considerabili “uno di quei gruppi di cui si dovrebbe parlare di più ma forse è meglio che li conosciamo in pochi”.

Ed è proprio nell’underground musicofilo che il loro contributo regge meglio la candela. Lo spettacolare quarto disco della band di Baltimora è tutto groove, riff e passione. Non è un album hardcore crossover che cerca di trascendere il genere, piuttosto uno che prova a elevarlo alla sua massima esposizione. Glow on è una sinossi dell’intera esperienza Turnstile: power chords cazzuti, un piglio alt rock accecante, drum machine e degli inserti funk che rendono il tutto intrigante, come dovrebbe essere quando si è capito cosa davvero si sta facendo con gli standard di genere e lo si vuole far arrivare, comunque, a un pubblico vasto. Hipster, alternativi, indie-rocker, metallari, poco importa.

Blackout esprime bene il concetto nei suoi tre minuti di sunto del discorso magno. Brendan Yates capisce che quello che deve fare come frontman di un gruppo hardcore è quello di intrattenere. «Se ti fa sentire vivo!/Beh, allora sono felice di provvedere!» urla. Che ne parlino tutti bene (interessante l’articolo su Forbes), concordando che sia uno dei dischi migliori dell’anno non può essere un caso. Benvenuti nella TLC, la Turnstile Love Connection.

↦ Leggi anche:
Turnstile: Come Back For More
Turnstile: Real Thing

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  Punk  May 2021  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.