Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Nell Smith & The Flaming Lips: The Weeping Song
Gi amici di papà sono un po' strani, ma suonano benino
↤ Tracce

I mostri sacri si cantano, non si temono.

Nell Smith & The Flaming Lips
The Weeping Song

Il succo della storia è più o meno questo: l’ultimo disco dei Flaming Lips non contiene canzoni dei Flaming Lips, ma di Nick Cave, e non vi canta Wayne Coyne (e nemmeno Nick Cave), ma una ragazzina di quattordici anni.

La ragazzina – Nell Smith – è la figlia di una coppia di fan di lunga data dei Lips, e si sa che il rapporto che Coyne e soci intrattengono con i loro seguaci è piuttosto stretto, per quanto sia lecito pensare che non facciano incidere un disco proprio a tutti.

Perché invece è proprio quello che è accaduto in questo caso: Nell Smith ha una voce piacevolmente acerba, suona la chitarra, scrive le sue canzoni, senza contare il fatto che l’Oklahoma (i Flaming Lips sono di Oklahoma City) è già un posto noioso di suo e figurarsi con l’assenza di concerti causa COVID. Conosciuta la famiglia Smith in uno degli ultimi concerti, Coyne ha suggerito alla ragazza di mandargli alcuni brani, poi l’ha invitata a incidere qualche cover – che so, di Nick Cave ad esempio – e zac! nella testa di Wayne s’è accesa una lampadina. Poi tutto il lampadario. E poi è uscito Where the Viaduct Looms, ovvero un disco di cover di Nick Cave dove Nell Smith mette la voce e i Flaming Lips tutto il loro carico di psichedelica follia.

Nonostante il testo («Father, why are all the children weeping? / They are merely crying son / O, are they merely crying, father? / Yes, true weeping is yet to come»), The Weeping Song è tratta da uno dei dischi più positivi di Cave, The Good Son, 1990. Il video, poi – con Blixa Bargeld (ai tempi sia nei Bad Seeds che negli Einstürzende Neubauten) – è diventato esso stesso un classico, membro autorevole della serie romantico-decadente di “videoclip che sembrano girati con poveri mezzi a ricordare vecchie rappresentazioni teatrali” – tipo questo, questo ma anche questo. Insomma, non era facile accostarsi a una pietra miliare di questo tipo senza timori reverenziali.

Ma che sia l’incoscienza dei quattordici anni o la sicurezza di avere le spalle coperte dai Flaming Lips, il risultato è quello che di meglio si può chiedere a una cover: trasformarsi in tutta un’altra canzone, mantenendo lo stesso livello di intensità.

↦ Leggi anche:
The Flaming Lips: Peace on Earth/Little Drummer Boy
Nick Cave: Cosmic Dancer
The Flaming Lips: Flowers of Neptune 6
Nick Cave & Warren Ellis: Balcony Man
Barry Adamson: The Climber
Bambara: Mythic Love
I Flaming Lips e la musica del caos

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.