New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Nell Smith & The Flaming Lips: The Weeping Song
Gi amici di papà sono un po' strani, ma suonano benino

Nell Smith & The Flaming Lips
The Weeping Song

I mostri sacri si cantano, non si temono.

Il succo della storia è più o meno questo: l’ultimo disco dei Flaming Lips non contiene canzoni dei Flaming Lips, ma di Nick Cave, e non vi canta Wayne Coyne (e nemmeno Nick Cave), ma una ragazzina di quattordici anni.

La ragazzina – Nell Smith – è la figlia di una coppia di fan di lunga data dei Lips, e si sa che il rapporto che Coyne e soci intrattengono con i loro seguaci è piuttosto stretto, per quanto sia lecito pensare che non facciano incidere un disco proprio a tutti.

Perché invece è proprio quello che è accaduto in questo caso: Nell Smith ha una voce piacevolmente acerba, suona la chitarra, scrive le sue canzoni, senza contare il fatto che l’Oklahoma (i Flaming Lips sono di Oklahoma City) è già un posto noioso di suo e figurarsi con l’assenza di concerti causa COVID. Conosciuta la famiglia Smith in uno degli ultimi concerti, Coyne ha suggerito alla ragazza di mandargli alcuni brani, poi l’ha invitata a incidere qualche cover – che so, di Nick Cave ad esempio – e zac! nella testa di Wayne s’è accesa una lampadina. Poi tutto il lampadario. E poi è uscito Where the Viaduct Looms, ovvero un disco di cover di Nick Cave dove Nell Smith mette la voce e i Flaming Lips tutto il loro carico di psichedelica follia.

Nonostante il testo («Father, why are all the children weeping? / They are merely crying son / O, are they merely crying, father? / Yes, true weeping is yet to come»), The Weeping Song è tratta da uno dei dischi più positivi di Cave, The Good Son, 1990. Il video, poi – con Blixa Bargeld (ai tempi sia nei Bad Seeds che negli Einstürzende Neubauten) – è diventato esso stesso un classico, membro autorevole della serie romantico-decadente di “videoclip che sembrano girati con poveri mezzi a ricordare vecchie rappresentazioni teatrali” – tipo questo, questo ma anche questo. Insomma, non era facile accostarsi a una pietra miliare di questo tipo senza timori reverenziali.

Ma che sia l’incoscienza dei quattordici anni o la sicurezza di avere le spalle coperte dai Flaming Lips, il risultato è quello che di meglio si può chiedere a una cover: trasformarsi in tutta un’altra canzone, mantenendo lo stesso livello di intensità.

Nell Smith Nick Cave The Flaming Lips Wayne Coyne 

↦ Leggi anche:
Traccia: Bambara: Mythic Love
Traccia: Barry Adamson: The Climber
Storia: I Flaming Lips e la musica del caos
Traccia: Nick Cave & Warren Ellis: Balcony Man
Traccia: Nick Cave: Cosmic Dancer
Traccia: The Flaming Lips: Flowers of Neptune 6
Traccia: The Flaming Lips: Peace on Earth/Little Drummer Boy

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!