Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Nas: Death Row East
Dico sul serio
↤ Tracce

La lucidità magicamente ritrovata.

Nas
Death Row East

King’s Disease II è, senza mezzi termini, la cosa migliore prodotta da Nas negli ultimi anni. Rispetto al primo capitolo del 2020 – nostalgicamente votato a un recupero anni Novanta soprattutto in sede di produzione – qui la volontà di svecchiamento è evidente e super efficace. Beat pazzeschi, un rap in forma smagliante e una lucidità di penna che da tempo che non gli sentivamo appartenere (tralasciamo le passate sbroccate no vax, misogine o inutilmente razziste). Questa volta Nas sembra unicamente concentrato a ribadire una volta di più quanto tra i (pochi) rapper di un certo livello usciti – quasi – indenni dagli anni Novanta lui sia ancora uno dei pochi a spiccare, per bravura e freschezza.

Tra gli episodi migliori in scaletta si staglia sicuramente Death Row East, dove parla di hip hop culture con un’aura da sopravvissuto che scavalca la nostalgia. Un panzer irresistibile, con un ritmo molto danzereccio che sembra prodotto dai Chinese Man (tra vocina pitchate e campioni polverosi, scratch ecc.). Qui il testo ripercorre quel preciso momento dei Nineties in cui – in pieno beef tra i due poli del rap USA – sembrava che la Death Row (appunto) potesse estendersi anche alla East Coast, prima che la morte di Tupac cambiasse tutto e la label collassasse su sé stessa e sulle magagne di patron Suge.

Ok che i virtuosismi nel flow sono sempre stati il suo pane, ma lo ripetiamo: era da un bel po’ che non sentivamo quest’uomo così lucido e a segno.

Luca Roncoroni
Luca Roncoroni

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Hip Hop  August 2021  
E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!

.