Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Giorgio Poi: I pomeriggi
Durante la pandemia ho accumulato qualche tappetino da yoga
↤ Tracce

Vento d’inverno.

Giorgio Poi
I pomeriggi

I pomeriggi – come gli altri brani di Gommapiuma – nasce in pieno lockdown, con dei padrini piuttosto imponenti: «Ho ascoltato molto Bill Evans, Chopin, Isao Tomita e This Mortal Coil», spiega Giorgio Poti, in arte Giorgio Poi, «C’era un altro disco, perfetto: Playing Piano for Dad di H Hunt. Essendo stato un periodo molto casalingo, ho sentito il bisogno di qualcosa che mi desse tranquillità e il suono del pianoforte ha un effetto potente su di me, riesce a calmarmi, a rasserenarmi».

E in quello stato di quiete sembrano aver trovato spazio suoni intimisti, ma anche l’energia per dare vita a melodie trascinanti, che hanno il ritmo della danza. I pomeriggi è senza dubbio tra queste, fresca, sin dall’attacco, è un pezzo emblematico del momento che stiamo vivendo. Quel «non torneremo mai più», reiterato come un mantra, rappresenta la consapevolezza dell’essere di fronte a un vero e proprio spartiacque. «Racconta gli sforzi per contrastare l’incontrastabile. Pure se ti metti a soffiare sul vento, l’inverno arriva lo stesso. Non è un invito al fatalismo, quanto ad accettare quello che non si può cambiare. Nella canzone il protagonista si gode la sua ombra pre-invernale, corta e definita, un’ombra in cui si riconosce e che sente sua, ma che d’inverno cambia, si allunga e si allontana deforme sui marciapiedi».

Dal punto di vista sonoro, I pomeriggi è una polaroid autunnale dai toni lievi, impostata su un giro di basso catchy, un loop che continua a girare in testa anche a canzone terminata. A conferirle un tocco di romanticismo malinconico ci pensano gli archi, mentre il timbro “metallico” di Giorgio impedisce fastidiosi scivoloni nella melassa.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
.