New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Giorgio Poi: I pomeriggi
Durante la pandemia ho accumulato qualche tappetino da yoga

Vento d’inverno.

I pomeriggi – come gli altri brani di Gommapiuma – nasce in pieno lockdown, con dei padrini piuttosto imponenti: «Ho ascoltato molto Bill Evans, Chopin, Isao Tomita e This Mortal Coil», spiega Giorgio Poti, in arte Giorgio Poi, «C’era un altro disco, perfetto: Playing Piano for Dad di H Hunt. Essendo stato un periodo molto casalingo, ho sentito il bisogno di qualcosa che mi desse tranquillità e il suono del pianoforte ha un effetto potente su di me, riesce a calmarmi, a rasserenarmi».

E in quello stato di quiete sembrano aver trovato spazio suoni intimisti, ma anche l’energia per dare vita a melodie trascinanti, che hanno il ritmo della danza. I pomeriggi è senza dubbio tra queste, fresca, sin dall’attacco, è un pezzo emblematico del momento che stiamo vivendo. Quel «non torneremo mai più», reiterato come un mantra, rappresenta la consapevolezza dell’essere di fronte a un vero e proprio spartiacque. «Racconta gli sforzi per contrastare l’incontrastabile. Pure se ti metti a soffiare sul vento, l’inverno arriva lo stesso. Non è un invito al fatalismo, quanto ad accettare quello che non si può cambiare. Nella canzone il protagonista si gode la sua ombra pre-invernale, corta e definita, un’ombra in cui si riconosce e che sente sua, ma che d’inverno cambia, si allunga e si allontana deforme sui marciapiedi».

Dal punto di vista sonoro, I pomeriggi è una polaroid autunnale dai toni lievi, impostata su un giro di basso catchy, un loop che continua a girare in testa anche a canzone terminata. A conferirle un tocco di romanticismo malinconico ci pensano gli archi, mentre il timbro “metallico” di Giorgio impedisce fastidiosi scivoloni nella melassa.

Giorgio Poi 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!