Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Front Line Assembly: Alone
Carnagione color lockdown
↤ Tracce

Deflagrazioni industriali per apocalissi postmoderne.

Quando si è tra i capostipiti di un genere e allo stesso tempo si è baciati dal dio dell’ispirazione le cose sono due: o si sbanca e si diventa megastar multimilionarie o si rimane sempre schiacciati da chi, una volta saccheggiato le idee, riesce a trasformarle in qualcosa di vendibile e fruibile per le grandi masse.

Questo per dire che se il genio di Reznor merita ogni grammo di popolarità acquisito nella carriera, rimane un peccato che pionieri come i Front Line Assembly continuino a essere considerati un gruppo di culto e poco più. Trentacinque anni di attività per la creatura dell’ex Skinny Puppy (un altro santino bene in vista sul comodino di Trent) Bill Leeb (ora affiancato dal veterano Rhys Fulber): una carriera che tra alti e bassi non sembra aver perso un grammo di letalità.

Alone è magmatica, densa, ossessiva, assassina, quadrata e decadente, una danza seducente sopra le rovine del post-electro-industrial che continua a nutrirsi dei rigoli di bit velenosi che scorrono attraverso cataste di PC e synth analogici ormai abbandonati. È il ritorno al tribale usando attrezzi abbandonati dall’uomo moderno. È il piegare le macchine ultraperformanti degli anni ‘20 a un bisogno atavico d’espressione umana. È il grido di sopravvivenza dell’individuo sopra la tecnologia, qui di nuovo serva e non padrona.

È, in parole povere, un gran pezzo, che riassume il modo in cui certe cose andrebbero fatte, per risultare efficaci pur non sottomettendosi a certe richieste del mercato. Con buona pace di alcuni ex amici ormai diventati la parodia metallara di se stessi.

Front Line Assembly Bill Leeb Skinny Puppy Nine Inch Nails Trent Reznor Rhys Fulber 

↦ Leggi anche:
Trent Reznor & Atticus Ross: A Minute To Breathe
Ashley O: On a Roll
Nine Inch Nails: Burning Bright (Field On Fire)
Nine Inch Nails: God Break Down the Door
Nine Inch Nails: Together