Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Front Line Assembly: Alone
Carnagione color lockdown
↤ Tracce

Deflagrazioni industriali per apocalissi postmoderne.

Front Line Assembly
Alone

Quando si è tra i capostipiti di un genere e allo stesso tempo si è baciati dal dio dell’ispirazione le cose sono due: o si sbanca e si diventa megastar multimilionarie o si rimane sempre schiacciati da chi, una volta saccheggiato le idee, riesce a trasformarle in qualcosa di vendibile e fruibile per le grandi masse.

Questo per dire che se il genio di Reznor merita ogni grammo di popolarità acquisito nella carriera, rimane un peccato che pionieri come i Front Line Assembly continuino a essere considerati un gruppo di culto e poco più. Trentacinque anni di attività per la creatura dell’ex Skinny Puppy (un altro santino bene in vista sul comodino di Trent) Bill Leeb (ora affiancato dal veterano Rhys Fulber): una carriera che tra alti e bassi non sembra aver perso un grammo di letalità.

Alone è magmatica, densa, ossessiva, assassina, quadrata e decadente, una danza seducente sopra le rovine del post-electro-industrial che continua a nutrirsi dei rigoli di bit velenosi che scorrono attraverso cataste di PC e synth analogici ormai abbandonati. È il ritorno al tribale usando attrezzi abbandonati dall’uomo moderno. È il piegare le macchine ultraperformanti degli anni ‘20 a un bisogno atavico d’espressione umana. È il grido di sopravvivenza dell’individuo sopra la tecnologia, qui di nuovo serva e non padrona.

È, in parole povere, un gran pezzo, che riassume il modo in cui certe cose andrebbero fatte, per risultare efficaci pur non sottomettendosi a certe richieste del mercato. Con buona pace di alcuni ex amici ormai diventati la parodia metallara di se stessi.

↦ Leggi anche:
Trent Reznor & Atticus Ross: A Minute To Breathe
Ashley O: On a Roll
Nine Inch Nails: Burning Bright (Field On Fire)
Nine Inch Nails: God Break Down the Door
Nine Inch Nails: Together

Max Zarucchi
Max Zarucchi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?
.