Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Eleventh Dream Day : Since Grazed
Gli amici di cui ti puoi sempre fidare
↤ Tracce

Adult-oriented indie rock.

Eleventh Dream Day
Since Grazed

In una contemporaneità dominata dal becero presenzialismo, gli Eleventh Dream Day sono qualcosa di necessario. Per la musica e perché agiscono in netta controtendenza: non inseguono sciocchi giovanilismi, parlano solo se ritengono di avere argomenti rilevanti e in una carriera senza pecche hanno sempre assecondato l’espressività. Dalla loro parte hanno la medesima perseveranza e saldezza di intenti che appartiene agli Yo La Tengo, con i quali viene spontaneo tracciare paralleli di natura stilistica e attitudinale.

Senza trascurare il fatto che anche gli Eleventh Dream Day hanno l’aspetto degli amici fidati e ruotano attorno a una coppia. Rick Rizzo canta e imbraccia la sei corde, Janet Beveridge Bean siede alla batteria pur non disdegnando il microfono. Con il fondamentale apporto del bassista Douglas McCombs, dalla seconda metà degli anni ‘80 offrono delizie di turgido, emozionante rock chitarristico che, tra ballate e impennate, guarda sì a Dream Syndicate e Television, però getta nel calderone anche lo sperimentalismo post, le schegge punk e new wave e la rivisitazione delle radici. A tenere insieme ogni ingrediente, una scrittura di alto livello e la passione di chi viene da lontano e bada al sodo.

↦ Leggi anche:
Yo La Tengo: Bleeding
Dream Syndicate Reloaded
I Television, Marquee Moon e il cielo sopra New York

Di tutto ciò Since Grazed costituisce un perfetto riassunto in un saliscendi di circolari, cristallini arpeggi dipanati su una melodia accorata. È un malinconico inno che trascolora nell’orizzonte, schietto e puro come i suoi autori. Gente che non farà mai la fine di Icaro, perché sa di avere ali leggere e allo stesso tempo robuste.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Rock  August 2021  
Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!

.