New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Angel Olsen: Intern
Il call center dell’ammmore

Questa dice, più o meno: siamo tutti stagisti dell’amore, bluffiamo gonfiando i curriculum, ma alla prova dei fatti siamo un disastro. Dice, anche, che ci assumeranno lo stesso, ma ovviamente a tempo determinato. In Hisperlandia, Angel Olsen è stata una delle storie migliori del 2016 e Intern la canzone scelta per aprire l’album My Woman. Non perché lo rappresenta, ma perché è piuttosto diversa dal resto, un pezzo breve, lievemente dark e “astratto” sul fatto che ci si debba alzare ogni mattina e recitare una parte. Usa sintetizzatori che neanche nella colonna sonora di Flashdance non come decorazione, ma come mezzo espressivo ambiguo. E quando ti stai abituando a quelle strofe semplici come mantra, ai riverberi che fanno sfarfallare la voce, all’atmosfera sospesa, il canto si sfilaccia in piccoli abbellimenti eterei e arrivano prima il ritornello e poi un frase ultrakitsch di sintetizzatore. Fine. Niente climax drammatico, due minuti e quarantasette di canzone: in Hisperlandia abbiamo problemi di ADD.

Angel Olsen 

↦ Leggi anche:
Traccia: Angel Olsen: Lark
Traccia: Angel Olsen: Shut Up Kiss Me
Traccia: Jeff Ament: Safe In The Car
Traccia: Sharon Van Etten & Angel Olsen: Like I Used to
Traccia: Sharon Van Etten: Femme Fatale

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!