Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

The Pogues: Streams of Whiskey
Il bello è che ne hanno fatto uno tutto loro, di whisky
↤ Tracce

Le stelle sono tante, milioni di milioni. Le birre qualcuna in più.

The Pogues
Streams of Whiskey

Posto che per volerla ascoltare una ventina di volte di seguito basterebbero l’irresistibile riddle di banjo e tin whistle con cui questo pezzo si apre e l’anthem epocale, da intonare – o stonare – rigorosamente ubriachi, Streams of Whiskey (una dichiarazione di intenti, più che il titolo di una canzone) praticamente sintetizza lo Shane-pensiero in tre minuti, e in maniera brillante.

Chi è stato in un pub irlandese almeno una volta sa benissimo che c’è sempre un momento in cui qualcuno attacca con Wild Rover, scritta secoli fa come temperance song, invito alla moderazione, e rimasta poi come ovvio e convincente incitamento a bere sempre un po’ di più. Ecco, quest’altra ne è l’evoluzione.

Shane MacGowan incontra in sogno il poeta e commediografo – irlandese, manco a dirlo: su quell’isola si incontrano solo tra di loro, anche a distanza di decenni – Brendan Behan. Parte un classico dibattito da bancone, roba di alta filosofia e di strategie di sopravvivvenza alla vita. E il letterato, dopo un po’ di esperienze turbolente, «had but these few clear and simple words to say»: piuttosto che stare a interrogarsi inutilmente, meglio andare direttamente – portati dalla direzione del vento – dove scorrono fiumi di whisky. Perché niente di buono può venire dalle lacrime, e se proprio bisogna bagnarsi, probabilmente è meglio tuffarsi dentro una pinta. O quindici: «When the world is too dark and I need a light inside of me / I’ll walk into a bar and drink fifteen pints of beer».

↦ Leggi anche:
Cat Power: A Pair of Brown Eyes

Si potrebbe anche obiettare che non è una filosofia particolarmente elaborata, ma non è forse nelle cose semplici che spesso si trova la soluzione ai problemi della vita? E poi, insomma, chi ne avesse una migliore, la dica. Invece di provare a trovarla, è evidentemente più soddisfacente seguire le orme di chi, messo da parte un gruzzolo, se ne va in un bar di Chelsea con un intento abbastanza dichiarato: «I’ll walk in on my feet / But I’ll leave there on my back!».

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.