Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

The Pogues: Lullaby of London
London, you're a lady
↤ Tracce

Dedicare ninnenanne all’amante mentre si pensa alla fidanzata lontana.

The Pogues
Lullaby of London

Vista la centralità dei Pogues nell’invenzione del folk punk di marcata ispirazione Irish, è facile scordarsi che il loro carismatico uomo-immagine (di devastazione) è nato a Londra, pur se da immigrati irlandesi e con un’infanzia passata nella County Tipperary. Ed è grazie a Londra che ha conosciuto il punk, Sid Vicious e Joe Strummer – gente che lo ha cambiato profondamente. È a Londra che deve molto, e non ha mancato di restituirle qualcosa cantandola a modo suo.

Questo non toglie che nella capitale britannica ci siano pure i segni profondi della storia della Corona, con tutte le sue efferatezze a volte sconvolgenti, con il suo odioso senso di superiorità colonialista, culturale e genetica, che ha generato danni permanenti nell’arco di secoli a popoli sparsi in tutto il mondo, e chiaramente anche ai vicini dell’isola meravigliosa e turbolenta a cui Shane sente di appartenere, e di fatto appartiene.

Due anime che trovano il loro incontro alchemico in questa splendida ninnananna, in cui risuonano echi della tradizione, come «As I walked down by the riverside one evening in the spring / Heard a long gone song from days gone by blown in on the great North wind» – cosa c’è di più folk di un inizio del genere?

In luogo di un bucolico canto di quaglie, ci sono rumori di macchine, urla, risate, schiamazzi di rissa: il mondo di Shane. Dall’altra parte, il vento del Nord, gli spiriti inquieti dei morti, le acque del Tamigi, le voci del passato rimandano alle storie vecchie di secoli che popolano i suoi sogni e i suoi incubi. Che tutto questo – chiede Shane a nessun dio in particolare – non ti porti dolore, ma ti culli in un sonno luminoso e pacificato.

Che è poi, alla fine, lo scopo delle ninnenanne, anche quelle scritte dai poeti del Novecento.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato?

Sei già abbonato? Accedi!


.