Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

The Pogues (feat. Kirsty MacColl): Fairytale of New York
... and a Happy New Year!
↤ Tracce

Voglia di un Natale diverso?

The Pogues (feat. Kirsty MacColl)
Fairytale of New York

Impossibile restare indifferenti alla grandezza della Xmas song più sui generis del mondo, che casualmente è anche una delle più amate di sempre. L’atmosfera, aiutata da un insolito arrangiamento di piano e orchestra ad affiancare il classico organico folk-rock, è stranamente dolce, l’inizio lirico e struggente: lui si rivolge a lei, patetico ma speranzoso, e le dice che sì, questo è l’anno giusto, anche se è circondato solo da disgraziati e immagini di miseria.

Ma il tutto si trasforma prestissimo in una vicenda bukowskiana, in cui un cialtrone convince una prostituta che la renderà una stella del musical a Broadway. Complici l’aria natalizia, la musica di Sinatra che si spande suadente, Galway Bay cantata dal coro del dipartimento di polizia di New York e altri tipici elementi da rimorchio, l’illusione inizialmente funziona. Peccato, finirà a insulti pesantissimi e scorretti («You’re a bum, you’re a punk, you’re an old slut of junk / Lying there almost dead on a drip in that bed / You scumbag, you maggot, you cheap lousy faggot / Happy Christmas your arse, I pray God it’s our last»), che comunque non ci negano un ultimo ballo fra i due la sera della vigilia. Chiaro che lui è Shane MacGowan, e al personaggio femminile viene data la bella e potente voce di Kirsty MacColl, degna figlia del noto folksinger Ewan, in uno dei duetti più straordinari e riusciti che la discografia ricordi.

↦ Leggi anche:
Cat Power: A Pair of Brown Eyes

Tutto è magico e ispirato, tutto è al posto giusto, e qualsiasi playlist natalizia dovrebbe contenere questa traccia. Così, anche solo per il gusto di mitigare lo zucchero delle feste sentendo per una volta cantare «old slut of junk» e «cheap lousy faggot», tra una Jingle Bell Rock e una White Christmas.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.