Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

↤ Lunghi / Playlist

La poesia punk di Shane MacGowan

10 pezzi dei Pogues per ricordarci che la letteratura irlandese non è solo Yeats, Joyce e Shaw.

Che la terra d’Irlanda susciti un fascino trasversale non c’è bisogno di dirlo. Nella sua enunciazione più superficiale, anche a fronte di tutto un immaginario incollato un po’ a forza: fate, folletti, quadrifogli, magie, evocazioni pseudomedievali o fantasy – in cui puntualmente viene usata musica scritta nel diciottesimo-diciannovesimo secolo – e la poco corretta etichetta di musica celtica.

C’è poi una frangia tutta particolare, che in linea di massima schifa tutte queste cose, che ascolta i Clash, i Sex Pistols e i Social Distortion e che è più incline a look appariscenti, fiumi di birra scadente, vita da strada e vicoli di periferia. Qual è lo snodo che collega il mondo del punk a quello dei leprecauni che occhieggiano da tutte le cartoline per turisti?

La risposta, se siete su questa pagina, probabilmente la sapete già: i Pogues, band che dire unica sarebbe farle un torto – anche se non sono mancati gli emuli – e che trova il crocevia delle due dimensioni nella figura peterpanica e istrionica di Shane MacGowan, ovvero il figlio mai nato di un incrocio sperimentale tra un ragazzotto con la coppola grigia di fine Ottocento e un punkettone londinese del ‘77 con tanto di chiodo e cresta.

Facile lasciarsi irretire dall’immagine piratesca di questo animale da palco e, soprattutto, da bancone. Meno immediato capirne la grandezza letteraria. Sì, perché la tesi di fondo è questa: Shane è un cazzo di poeta, erede ideale di Yeats, Joyce, Beckett, Shaw e Brendan Behan. E se non ci credete, eccovi dieci pezzi che lo dimostrano.

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!