New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

MF DOOM: il rapper che ce l'ha fatta senza farcela

10 pezzi imprescindibili per scoprire le meraviglie di Daniel Dumile, malvagio producer mascherato.

Chi è stato veramente Daniel Dumile o – chiamandolo con il nome della più famosa delle sue infinite (re)incarnazioni – MF DOOM? Probabilmente uno dei più grandi rapper e produttori a farcela senza farcela. Difficile trovare un altro artista che sia stato tanto influente e amato, quanto estraneo alle logiche del mercato discografico. Dumile è stato icona sin dall’aspetto, che (quello vero) nessuno sa quale sia. Una maschera immediatamente riconoscibile, che come ogni supereroe che si rispetti ha rappresentato anche la possibilità – letteralmente – per chiunque di essere Doom: vedi i concerti a cui spesso mandava delle comparse mascherate prese a caso al posto suo, suscitando le ire dei fan.

Così questa identità segreta è stata brand rifiutando i brand, sostituendo ai tratti somatici dell’ennesimo rapper-immagine un ideale preciso: il rifiuto di darsi in pasto, corpo e anima (e musica) ai colossi discografici. La scelta del volto metallico e del nome principale non sono state casuali: come il Doctor Doom della Marvel, celebre villain dei Fantastici 4, Dumile ha abbracciato la sua nuova identità per elaborare un rifiuto e un lutto. Simbolo di rinascita e vendetta, la completa aderenza – anche biografica – tra uomo e personaggio ha sancito l’efficacia definitiva di uno dei misteri meglio custoditi della musica.

Nun me somiglia per niente.

Dumile ha attraversato come un supereroe “malvagio” quasi trent’anni di hip hop: lo ha  incrociato con exploitation, fumetti, cartoni animati e sci-fi come forse solo il Wu-Tang Clan era riuscito a fare, ha collaborato con alcuni dei guru sonori più importanti di sempre e ha contribuito (insieme ad Anticon, Def Jux e altri) a plasmare un suono – quello del cosiddetto abstract hip hop – che è tra le cose più fresche e interessanti occorse musicalmente in tempi recenti.

E sempre nel suo sottrarsi alla riconoscibilità è ricollegabile la sua infinita girandola di alter ego, pseudonimi e progetti collaborativi paralleli all’identità principale di MF DOOM. King Geedorah, Viktor Vaughn, Metal Fingers, il tandem Madvillain e così via all’infinito. Dumile è stato indecifrabile e bravissimo, sfuggente e prolifico al limite della bulimia. È stato un rapper virtuoso e un produttore geniale, un talent scout mai scontato e un artista dall’invidiabile versatilità, tanto stimato e apprezzato quanto restio e svelarsi, in ogni frangente. Tutto questo fino alla sua prematura morte, a 49 anni: anche quella lontana dai riflettori, resa pubblica dalla moglie solamente due mesi dopo l’accaduto. 

Questa playlist prova a mettere un po’ d’ordine in una produzione discografica tanto valida quanto caotica e abbondante: lo fa scegliendo dieci pezzi da alcuni dei suoi progetti più geniali e innovativi, spaziando tra le tante identità alternative di una mente erratica e illuminata. Allacciate le cinture, che la strada è tortuosa.

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!