New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Iron Maiden: Judas Be My Guide
Chiodi di pelle ne abbiamo?

Melodie perfette per tradimenti presunti.

Fear of the Dark è un album che molto spesso passa in sordina quando si parla di pezzi storici dei Maiden. Eppure ha al suo interno perle impeccabili.

A parte l’ipercelebrata title-track, ricordiamo la mirabile Wasting Love (forse la più grande ballad mai scritta dalla band) e Afraid to Shoot Strangers (stesso discorso), accanto ad altri brani più diretti come Be Quick or Be Dead o Childhood’s End (una delle melodie più riuscite del disco).

↦ Leggi anche:

Troppo spesso dimenticato soprattutto questo inno all’amico Iscariota, vinto dalla brama dei trenta denari (ancora stentiamo a credere come non si dica “Judas my guy…”). Un pezzo Iron Maiden 100% per le scuole a venire: liriche sulla mercificazione completa della società, prostrata al vil danaro, con un giro di basso e batteria ipercanonico ma che suonato da Harris-McBrain potrebbe supportare qualunque cosa e renderla convincente. Così come il riff di classica scuola Murray e il magistrale assolo ben più che scolastico a opera di Gers, teso e incisivo (prima che si diventasse prolissi, per intenderci).

In cima a tutto un’interpretazione maiuscola di Dickinson, che in questo disco – quando davvero si impegna – regala momenti d’oro, insieme a una delle linee vocali più riuscite del periodo degli anni Novanta. Il ritornello, poi, è da antologia vera e propria del classic rock: una roba che da sola avrebbe fatto la carriera di qualsiasi altra band.

Invece Judas Be My Guide non è nemmeno mai stata suonata dal vivo, pur avendo tutte le carte per finire in ogni setlist che si rispetti. Se si pensa inoltre che, per molti, Bruce tradì i Maiden lasciando la band, riascoltare oggi questo brano rende la storia ancora più aperta a leggende e interpretazioni.

Iron Maiden 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!