New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Iron Maiden: Empire of the Clouds
L'impero delle nuvole di ferro

Forse l’apice compositivo degli ultimi dieci anni maideniani.

L’ultima decade di carriera discografica targata Vergine di Ferro non è sicuramente delle più memorabili ed esaltanti, e tutto sommato non gliene si può nemmeno fare una colpa. Vero è che Dickinson non ha mai abbassato tonalità e – pur sopperendo col cuore alla parte – risulta tante volte (troppe) decisamente indietro col passo. Il debole The Final Frontier non ha certo brillato particolarmente per estro compositivo, regalandoci più o meno scarti dei dieci anni precedenti. Si ritrova qualcosa dell’ispirazione originaria in pochi pezzi, come Where the Wild Wind Blows o Coming Home, la cui intensità è stata parzialmente recuperata anche nel successivo – e ultimo tuttora – album, The Book of Souls. Molto apprezzato, questo, dalla critica, ma più per il bene che ha voluto alla band che per un’effettiva validità specifica.

Il disco, infatti, è un doppio album e già per questo sembra quasi impossibile possa contenere materiale veramente all’altezza per tutta la sua ora e mezza abbondante. Molto – forse troppo – è il minutaggio trascurabile, fatta eccezione forse per la title-track, l’opener e poco altro. Ed è un vero peccato perché queste – con i 18 minuti di durata dell’ultima canzone (la più lunga mai registrata dalla band) – potrebbero stare tra il miglior materiale Iron Maiden degli anni Dieci.

↦ Leggi anche:

Empire of the Clouds è l’epopea dell’airship R101 e del suo disastro nel 1930, e rappresenta, per la tematica, una quasi-prosecuzione di Death or Glory. Dickinson al piano (per la prima volta) è degno di menzione: sua è infatti la composizione portante e il testo, ma le idee più inventive (come la simulazione ritmica del codice morse SOS nel break) sono tutte a opera di una band incredibilmente estrosa, che si diverte seriamente dietro il suo ispirato cantore. La traccia regge incredibilmente la durata, vuoi per l’eroica leggenda del dirigibile e dell’impero di nuvole (simbolo di grande impresa celeste così come di inevitabile evanescenza), vuoi per una impostazione riassuntiva della “canzone-lunga-maideniana”, qui portata ad assoluto compimento.

Purtroppo, nell’ultima sezione tirata, la voce di Bruce fa veramente fatica a sostenere il passo e gli effetti che cercano di amalgamarla col resto rendono il tutto un po’ “tirato per i capelli”, ma è comunque vero che, complessivamente, si è di fronte a un pezzo che i fan si ricorderanno ancora per molto, oltre che uno dei vertici compositivi degli ultimi dieci anni maideniani.

Iron Maiden 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!