New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Benjamin Gibbard: Teardrop Windows
Lui sa cos’è accaduto a Seattle nel 1962

Benjamin Gibbard
Teardrop Windows

C’è chi rimpiange lo spirito modesto della vecchia Seattle, la città «dove la gente coltivava la testa e l’anima, dove rifiutava l’idea di mobilità sociale tipicamente americana e la ricerca di status a favore di una vita fra persone solidali e non competitive, dove i residenti condividevano l’idea che il valore di una persona non lo si misura in base a quel che ha fatto, a quel che possiede, veste o guida, ma in base a quel che è». Knute Berger afferma che «un tempo consideravamo l’isolamento alla stregua di una risorsa: Seattle era un posto dove potevi sentire il rumore dei tuoi pensieri e dove ti potevi godere l’aria pulita, l’acqua, il verde. Ora, grazie alla rivoluzione informatica spinta dalla Microsoft, subiamo la pressione della competizione e degli influssi provenienti da fuori. La globalizzazione, il “libero” commercio e la comunicazione istantanea producono un’ulteriore spinta verso il conformismo alle norme globali. Seattle sta perdendo il proprio senso di unicità geografica». È il rimpianto per la vecchia Seattle, quando l’edificio più importante in città era la Smith Tower, 42 piani per 150 metri d’altezza, per molti anni l’edificio più alto a ovest di Chicago. In una canzone intitolata Teardrop Windows, Ben Gibbard dei Death Cab for Cutie ha usato la Smith Tower come metafora della tendenza dell’uomo a dimenticare ciò che di bello ha avuto un tempo, una specie di ritorno all’idea romantica di Lesser Seattle.

Benjamin Gibbard 

↦ Leggi anche:
Benjamin Gibbard: Life in Quarantine

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!