Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Ben Folds: Rockin' the Suburbs
Nerd to the bone
↤ Tracce

Il baronetto dei nerd.

Ben Folds
Rockin' the Suburbs

«Y’all don’t know what it’s like, being male, middle-class and white».

Rockin’ the Suburbs è uno degli inni della musica geek rock. E Ben Folds uno dei suoi portavoce principali. Qualunque promenade in un mondo di musica brufolosa e sfigata non si può esimere dal passare da qui.

Ma andiamo con ordine e mettiamo in riga qualche emblematica peripezia di uno dei nerd più nerd che abbiano camminato sul pianeta Terra e abbiano deciso di dedicarsi all’arte delle sette note.

Fatte di un rock apparentemente facile ma costantemente intriso di cultura popolare, le sue canzoni parlano di rednecks e misfits di ogni tipo. Nel corso di 25 anni di carriera, si è permesso chiari rimandi a Elton John (soprattutto al suo worst-selling Madman Across the Water, che lui invece considera il migliore), ha condiviso senza problemi ripubblicazioni dei suoi dischi re-mixabili con GarageBand ed è sempre stato fedele al motto “all in the key of awkward”. Facile, con una faccia che garantisce l’ingrasso a qualunque Comicon.

Dopo gli inizi con i Ben Folds Five nel 1995, Mr. Folds capisce ben presto di essere un personaggio che basta e avanza e che una chitarra e un pianoforte erano gli ingredienti minimi (ma più che sufficienti) per giocare il ruolo di cantautore tanto sfigato da risultare figo. A patto di curare i dettagli. Per dire, il suo primo disco solista esce l’11 Settembre 2001. Cospirazioni ne abbiamo?

«I’m rockin’ the suburbs, just like Quiet Riot did / I’m rockin’ the suburbs, except that they were talented / I’m rockin’ the suburbs, I take the cheques and face the facts / That some producer with computers fixes all my shitty tracks».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.