Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Barenaked Ladies: One Week
Barenaked Planet
↤ Tracce

La band preferita di Sheldon Cooper.

Barenaked Ladies
One Week

«Chickity China the Chinese chicken / You have a drumstick and your brain stops tickin’ / Watchin X-Files with no lights on, / We’re dans la maison / I hope the Smoking Man’s in this one / Like Harrison Ford I’m getting Frantic / Like Sting I’m Tantric / Like Snickers, guaranteed to satisfy…».

Arrivare a livelli di nerditudine come quelli raggiunti dai Barenaked Ladies è molto difficile. Straconosciuti per la sigla di The Big Bang Theory, la band canadese ha venduto circa 15 milioni di dischi ed è stata una delle prime a usare la tecnologia per autopromuoversi: prima floppy disk, poi gli albori dei blog, quindi gli interactive kit, i bootleg messi su pennette usb. Tutt’oggi, quel lato ricopre ancora uno spazio fondamentale nella loro strategia di successo.

One Week è forse il loro singolo più conosciuto. Anche perché probabilmente quello in grado di essere davvero una nerd song con i controfiocchi. Così credibile e affabile che non ci si spiega come sia potuta non finire nella colonna sonora di qualche Shrek. Maledetti Smash Mouth! A ogni modo la band, pur senza Steven Page – uno dei fondatori ora datosi alla carriera solista – è ancora attiva e in tour.

Nati nel 1988 a Scarborough, vicino a Toronto, i Barenaked Ladies rivestono a pieno titolo la classificazione di geek rock band. Senza se e senza ma. La loro prima cassetta, Buck Naked (1989), registrata con un quattro piste su una già usata, un po’ in cantina e un po’ in cameretta, è un piccolo gioiello dell’underground alternative mondiale. Se qualcuno ne è ancora in possesso, la starà vendendo a peso d’oro in qualche fumetteria di culto del Nord America.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.