New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Soulside: God City
Supergiovani contro la municipale

Attivismo post-hardcore.

A quanto pare se eri una band della scuderia Dischord non è che potessi aspirare ad avere lunga vita. Così, effettivamente, è stato per molte formazioni di culto del cosiddetto East Coast hardcore. Forse era una piccola condanna dell’etichetta, o forse era solo così che le cose potevano funzionare per davvero. Per noi fruitori, in realtà, è comunque stato più che sufficiente.

Formati – seppur con nome diverso (Lünch Meat) – nel 1985 e sciolti nell’estate del 1989, con quella perla che è Hot Bodi-Gram, i Soulside (o Soul Side) sono state una di quelle meteore post-hardcore della Grande Area di Washington che con il loro passaggio hanno contribuito a formare parte della scena musicale dei late Eighties.

God City, brano introduttivo del lotto, faceva già capire che i Fugazi non erano gli unici a essersi fatti portavoce di un nuovo modo di intendere il punk. Qui lo schieramento politico non è certo indifferente e lo spirito ribelle non può nemmeno definirsi standardizzato, così come le prime avvisaglie di quella che diventerà l’alternative music dei Nineties.

I Soulside sono stati l’unica band americana a suonare in uno dei concerti punk illegali tenuti a Berlino Est negli anni ‘80: quegli spettacoli organizzati nelle particolarmente tolleranti chiese luterane, contro i desideri della dittatura e dei suoi organi di sicurezza come la Stasi. Gli spettacoli normalmente presentavano gruppi della Germania dell’Est altrove vietati e solo raramente consentivano l’apparizione di band internazionali, che viaggiavano con visti turistici e suonavano con attrezzatura presa in prestito.

Avventurosa come la loro stessa musica, la formazione però non può certo dirsi fortunata, per critica e contingenze, anche se la visione artistica dei componenti continuerà nonostante il breakup prematuro. Scott McCloud, Johnny Temple e Alexis Fleisig proseguiranno nei Girls Against Boys (tutt’ora in attività), mentre il frontman Bobby Sullivan – pur non abbandonando la carriera cantautorale – si orienterà sempre più verso l’attivismo, collaborando con diverse associazioni per aiutare carcerati e rifugiati.

Soulside 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!