Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Rites of Spring: For Want of
Lo senti l'odore di primavera sotto il palco?
↤ Tracce

La primavera emozionale del punk stravinskiano.

Rites of Spring
For Want of

I Rites of Spring sono uno esempio perfetto per capire cosa significa band di culto. Membri che avranno una fortuna successiva e parallela, riferimenti profondi ad altri capolavori artistici (in questo caso stravinskiani), breve durata, pochi e memorabili concerti, canzoni che valgono come inni e la fortuna di essere stati fautori di un rinnovamento musicale. Qui c’è esattamente tutto. Ah, dimenticavamo: naturalmente non ne parla mai nessuno.

Capitanati dal grande Guy Picciotto (vero e proprio nomen omen per “l’uomo qualunque del punk”) e prodotti da Ian MacKaye (prima del sodalizio dei due nei Fugazi), autori di un album omonimo e di un successivo EP, i Rites of Spring sono comunemente definiti i pionieri di quello che veniva chiamato emotional hardcore, poi beceramente avvilito nelle manifestazioni del termine emo più tarde, dalle quali lo stesso Picciotto prenderà le distanze.

«I woke up this morning / With a piece of past caught in my throat / And then i choked», così comincia For Want of, terzo pezzo del disco del 1985. La riflessione sul presente deve naturalmente passare per una critica del passato, non solo sociale ma anche espressivo. I Rites of Spring, infatti, insieme ai Minor Threat si fanno carico – nella medesima scuderia – di superare le lezioni dell’hardcore californiano spingendosi verso altri lidi, fondati sui medesimi crismi ma affidati a un’autentica e originale “variazione sul tema”.

For Want of è un pezzo storico, emblematico, capace di entusiasmare per la sua miscela convincente di hardcore poetico intriso di una diversa ribellione, che senza rifiutare certe melodie (e un riff memorabile quasi figlio della coeva della New Wave of British Heavy Metal) riesce a fare in modo che le grida del suo portavoce si sposino con il suono di qualcosa che non va, nel mondo esterno e dentro di sé.

A nostro parere, Stravinskij, in qualche modo, una toppa dei Rites of Spring sul chiodo l’avrebbe anche portata.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.