Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Hoover: Electrolux
Tutti a Washington a farsi le foto
↤ Tracce

Dub punk per le masse.

Hoover
Electrolux

Tra i capolavori che non sono targati Fugazi nel catalogo Dischord sarebbe un’eresia non citare The Lurid Traversal of Route 7, l’album d’esordio dei quasi sconosciuti Hoover, vera gemma ancora incontaminata dai grandi revival.

Rispetto alla lezione di McKaye e soci – comunque sempre tenuta in considerazione in molto del repertorio – gli Hoover si permettevano anche eccezioni alla regola, incorporando elementi di jazz e dub e non limitandosi a una posizione aggressiva che doveva essere necessariamente hardcore, almeno di forma. Tre dei quattro membri condividevano equamente i doveri vocali e capitava anche di restare sul medesimo giro per un bel po’, senza alcuna necessità di cambi.

Electrolux è infatti uno dei casi più emblematici di brillantezza espressiva in questo senso dilatato. Un pattern di basso memorabile di oltre sette minuti, in nove ottavi, che si offre come fondamento di un dub pronto a subire rumori e innesti senza scalfirsi di un millimetro. Secondo Vulture è uno dei «cento pezzi emo più importanti di sempre». Ovviamente lo spettro dell’etichetta emo, purtroppo, pesa anche qui, anche se non è ben chiaro a cosa possa essere riferita nel caso specifico, se non a una contingenza storica di facile incasellamento.

The Lurid Traversal of Route 7 si collega magicamente a lezioni math di Drive Like Jehu e Jesus Lizard, ma si nutre di un’anima pura che sembra volersi far strada per i fatti propri, senza però scalfire i suoi cardini. Un album da riscoprire in un vasto catalogo East Coast, tenuto insieme da MacKaye con mano sapiente e fare da talent scout. Eh sì, ci sarà un motivo se tutti e quattro i membri originali degli Hoover, partendo da diverse parti d’America, si sono trovati a Washington per le prove.

C’era qualcosa nell’aria. E non era di certo solo “emo”.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.