Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Woodkid: Goliath
Il responsabile per il controllo qualità e (in)sicurezza
↤ Tracce

Un cuore meccanico che pompa petrolio fin dove il sangue non sa più arrivare.

Woodkid
Goliath

Yoann Lemoine teoricamente fa il videomaker, di mestiere. Chiedete a Katy Perry, Taylor Swift e Lana Del Rey se cercate delle referenze al riguardo. O forse no. Non lo sa nemmeno lui, cosa fa di mestiere. Perché ne fa troppi. E tutti bene. Deve essere (anche) per questo che ci ha messo sette anni a partorire un nuovo disco. Nel frattempo è stato consulente audiovisivo per Nicolas Ghesquière di Louis Vuitton, si è dato alla danza con JR per uno spettacolo del New York City Ballet e alle colonne sonore per il figlio di Alfonso Cuarón.

Nel frattempo, soprattutto, è successa la qualunque: la realtà attorno a noi è cambiata e Woodkid si è adattato di conseguenza. Senza mettere da parte il gusto per l’enfasi e la sontuosità, ha alzato il piede dall’acceleratore, dilatando le atmosfere e scandendone i tempi cupi con suoni metallici e rasoiate industriali, per finire – come sempre – a rendere il tutto facilmente digeribile grazie a un antidolorifico efficacissimo: la sua voce, affascinante, soul e precisa come non mai.

Goliath è un ritorno in grande stile, spettacolare ed epico come c’era da aspettarsi, eppure allo stesso tempo intimo e introspettivo. Lascia senza fiato e con gli occhi commossi, mentre ti graffia dall’interno, e su entrambi i livelli ti mostra quello che deve con chiarezza sconcertante.

Perché Yoann Lemoine fa il videomaker, di mestiere. E allora anche qui l’imponenza della componente cinematica resta un fatto assodato. Coesiva, maestosa e intelligente, si traduce in un’immersione a occhi aperti nelle polveri nere di quella tomba a cielo aperto che sono le miniere di carbone di Ostrava (Repubblica Ceca), per una riflessione non solo estetica sulla contrapposizione – e la sovrapposizione – tra l’infinitamente grande e l’infinitamente piccolo. Sulla consapevolezza di aver creato dei mostri e la responsabilità – individuale e collettiva – di trovare il modo di sconfiggerli. Ammesso che non sia già troppo tardi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.