New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Supersuckers: Play That Rock N' Roll
Rock'n'roll cowboys

Supersuckers
Play That Rock N' Roll

Può anche cambiare il mondo, ma certi gruppi sono per sempre.

Dal 1992 a oggi sono cambiate davvero tante cose. Se vuoi ascoltare musica, non inserisci più una musicassetta nel walkman ma apri Spotify. Se sei a New York e alzi gli occhi al cielo, vedrai sì tanti grattacieli ma non più le Torri Gemelle. Se vuoi conoscere una ragazza, non vai in discoteca con i tuoi amici, ma ti iscrivi a Tinder o roba simile. Se vuoi fare il pieno alla tua auto, non ti servirà più la benza rossa ma semplicemente un cavo per darle la carica.

Quello che non è cambiato di una virgola è il suono degli AC/DC, freschi di pubblicazione del nuovo Power Up, e dei Supersuckers, band di culto originaria di Tucson, Arizona, ma trasferitasi a Seattle quando Cobain stava ancora scrivendo le canzoni che sarebbero poi finite in Nevermind.

Il dodicesimo album del gruppo capitanato da Eddie Spaghetti suona esattamente come te l’aspetteresti, e non c’è proprio niente di male in tutto questo. Ci sono gruppi come Tool o simili che hanno fatto della trasformazione musicale una loro priorità, ci sono band come i Supersuckers che sono talmente innamorate del caro, vecchio fottuto rock‘n’roll che manco gli è mai venuto in testa di cambiare strada (tranne ai tempi del fantastico Must’ve Been High – ma quella è un’altra storia).

Play That Rock N’ Roll è la title track del disco, mette tutto in chiaro sin dal titolo e conquista sin dal primo ascolto. Su, andate in un vecchio negozio di dischi, cercate il vinile, tornate a casa e fatelo girare sulla vostra piastra. Poi controllate che giorno è sul vostro calendario Michelin preferito: vi potreste pure stupire.

Supersuckers 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 7 persone!