Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Marina: Man's World
Ho lasciato l'autocertificazione al tempio di Atena!
↤ Tracce

A proposito del 2020.

Marina
Man's World

Pare che dopo il pur notevole Froot (2015) Marina Diamandis avesse deciso di buttare tutto alle ortiche: eppure le sono bastati un paio di semestri a seguire un corso universitario di psicologia per ritrovare voglia di far musica e vena creativa.

Beh, siamo onesti: soprattutto la prima. Quanto alla vena creativa, il disco post-crisi personale Love + Fear (2019) sembrava suggerire una certa secchezza: troppo lungo, produzione piatta e l’evidente voglia di ritagliarsi un posto al sole tra le sorelline povere di Katy Perry. Un mezzo disastro, considerata la discografia, la voce, il talento anche come performer della cantante gallo-ellenica (si dirà così? Metà gallese e metà greca, insomma).

Ma siccome di questo 2020 dovremo pur dire un giorno che “ha fatto anche cose buone”, ma saremo in imbarazzo a trovarle, mettiamo tra le buone cose il ritorno della Diamandis agli standard cui ci aveva abituati quando ancora si faceva conoscere come Marina and the Diamonds.

Man’s World musicalmente abbandona l’elettro-pop più smaccato e riesuma persino qualche chitarra, mentre liricamente è tutto un susseguirsi di trending topic, dal #metoo («Burnt me at the stake, you thought I was a witch / Centuries ago, now you just call me a bitch») al #climatechange o #savetheplanet («Mother Nature’s dying / Nobody’s keeping score / I don’t wanna live in a man’s world anymore») – due temi che si uniscono nel bridge di urgente attualità:

«Spring appears when the time is right / Women are violets coming to light / Don’t underestimate the making of life / The planet has a funny way of stopping a fight».

Chiaro? Il «funny way» è il COVID. E se il testo va comunque interpretato, il video non lascia adito a dubbi: la mise voluttuosamente kitsch da vestale greca è decisamente nello stile di Marina, mentre le mascherine e il distanziamento sociale di quelli che le stanno intorno fanno decisamente 2020. L’ho messa giù in maniera un po’ sarcastica, ma è un gran bel pezzo.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!


.