New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Dark Tranquillity: Remain in the Unknown
With great beard comes great responsibility

Dark Tranquillity
Remain in the Unknown

Dove imparerete cos’è il fenomeno dell’apofenia.

Il cambiamento fa bene – chiedetelo ai Dark Tranquillity, che negli ultimi quattro anni hanno perso due pezzi storici del gruppo come Martin Henriksson (il quale per non lasciare adito a dubbi, l’ha messa giù brutale: «Ho perso ogni passione riguardo alla musica suonata») e Niklas Sundin (più sfumato, in sostanza non ha più voglia di suonare live, il che nel 2020 è chiaramente una motivazione inoppugnabile).

Poco male: i due dimissionari in secca motivazionale sono stati prontamente sostituiti e il risultato è un disco finalmente ispirato dall’inizio alla fine, come non succedeva da tempo. Un brano come Remain in the Unknown è lì a dimostrarlo: e perdonerete l’elenco puntato, ma i motivi sono più d’uno ed è bene metterli in chiaro, come fosse la lista della lavandaia di Eco (nel senso di Umberto):

↦ Leggi anche:
Traccia: Dark Tranquillity: Forward Momentum

  • perché c'è l'alternato clean/growl dove Stanne dimostra una volta di più che sa anche cantare, e pure bene, con la sua voce bassa da crooner che viene dal freddo;
  • perché Reinholds (una delle nuove leve in sostituzione di Niklas "heavy bottom" Sundin) si produce in alcuni dei migliori solo del disco;
  • perché è la prima canzone dei DT e una delle pochissime nel death metal che usa anche scale maggiori;
  • perché anche liricamente è un bel brano, incentrato sulla apofenia, ovvero la tendenza a intuire connessioni tra oggetti, persone, avvenimenti apparentemente inesistenti (non credete – ho dovuto cercarlo anch'io su Wikipedia).

Morale della storia: mentre voi in pieno lockdown facevate gli aperitivi tristi davanti a Zoom, Mikael Stanne si studiava l’opera omnia di Klaus Conrad – lo psichiatra tedesco che definì appunto questo fenomeno. E ora lui (Stanne) è fuori con un nuovo ottimo disco, e voi avete solo il fegato un po’ più grosso. Vi paiono abbastanza connesse le due cose? No? Apofenia!

Dark Tranquillity 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!