Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Fufanu: Liability
Tutto il senso di appartenenza alla terra d’origine in un’abbronzatura perfetta
↤ Tracce

Se Reykjavík deciderà di ospitare le prossime Olimpiadi, lo spot per promuovere la sua candidatura è già pronto.

Fufanu
Liability

Che l’Islanda non fosse solo geyser, Björk e Sigur Rós lo sapevamo, ma scoprire che avesse anche qualcosa da insegnare al continente in materia di indie-rock, post-punk elettronico e capacità di scopiazzare i grandi del passato con piglio personale e gusto non indifferente, è stata una delle più belle sorprese di questo 2017.

I meriti di averci aperto gli occhi vanno senza ombra di dubbio a una band il cui nome ricorda più uno strumento a fiato sardo che le bianche distese di neve del Nord Europa. I Fufanu hanno iniziato, non molto tempo fa, con le pretese di uno snack da apericena nelle vesti di un duo techno per poi, a forza di aggiungere gradualmente elementi e pezzi di strumentazione live alla ricetta, finire a presentare in sala un pasto completo che va dall’antipasto al dolce, più caffè e ammazzacaffè. Si chiama Sports e probabilmente è una delle migliori uscite dell’anno.

Come portavoce avremmo potuto prendere — anche a caso — uno qualunque dei dieci pezzi che compongono l’album, visto che il livello medio è altissimo e nel corso della tracklist non c’è traccia di passaggi a vuoto che possano giustificare cali di ritmo o di attenzione. La scelta è caduta su Liability perchè riassume bene il mood del tutto e per il suo video divertente che condensa in quattro minuti tutte le possibili declinazioni del titolo del disco e sarebbe uno spot perfetto nel caso in cui Reykjavík decidesse di candidarsi come sede delle prossime Olimpiadi.

Guardate che carini: in pratica sono i Joy Division biondi e sì, son pure a colori e leggermente più sorridenti e autoironici. Per fortuna, verrebbe da aggiungere, visto che la loro terra d’origine non è che sia messa poi così meglio del Regno Unito nella classifica ufficiale degli stati per tasso di suicidio.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:


E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?

Sei già abbonato? Accedi!


.