New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Father John Misty: Things It Would Have Been Helpful To Know Before The Revolution
"Beard folk ne abbiamo? " "Eccomi!".

Father John Misty
Things It Would Have Been Helpful To Know Before The Revolution

Father John Misty: il predicatore che amava troppo Hollywood per non parlarne male.

Negli ultimi cinque/sei anni è andata affermandosi una corrente denominata “beard folk”, un cantautorato pop-folk fatto da gente, per lo più di provenienza californiana, con la barba lunga. Un fenomeno largamente disprezzato dagli estimatori del metallo e del rock pesante, che vedono in questa corrente un’eccessiva dose di hipsterismo e languido piagnisteo.

È una sorta di rigurgito di quella corrente che aveva in Laurel Canyon, negli anni Settanta, il suo cuore pulsante. Non è un caso che gran parte dei rappresentanti del “beard folk” abbiano collegamenti, appunto, con Laurel Canyon.

Si pensi a Jonathan Wilson, a cui va il merito, grazie al suo studio di registrazione, di aver rilanciato quell’area geografica che fu il dominio di CSN e Joni Mitchell. Ma probabilmente, l’esponente di spicco di questa nuova scuola è Josh Tillman, detto altresì Father John Misty. Lui a Laurel Canyon c’ha conosciuto la futura moglie, e da qualche tempo vive lì.

↦ Leggi anche:
Traccia: Father John Misty: Mr. Tillman

Father John Misty è un caso singolare: la sua popolarità ha pareggiato, se non superato, quella della sua ex band: i Fleet Foxes, a loro volta capisaldi del “beard-folk”, di cui lui era il batterista. Nel giro di una manciata d’anni e tre album, Tillman si è ritagliato la fama di caustico crooner contemporaneo, noto per i suoi testi colloquiali ma lessicalmente ricchissimi, e per la sua spiccata verve di “stand-up comedian”. Non ultimo, per quel suo look da sexy predicatore, dalle sembianze vagamente riconducibili a Carlo Cracco.

Pure Comedy, acclamato da critica e pubblico, è un punto fermo del 2017. C’è satira su Hollywood, scenari apocalittici da deriva social, disincanto generico stemperato dallo humor, e un cantautorato che, Laurel Canyon a parte, tiene ben presente gli insegnamenti di Elton John e Billy Joel.

Ma è ancora e soprattutto dal vivo, che Josh riesce a trasmettere per bene tutte le varie sfumature del suo talento; soprattutto, mi si passi il termine, la sua bonaggine imperitura.

Father John Misty 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!