New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Dali's Car: His Box
Andare dal dentista lo stesso giorno

Lo sciocco che hai dentro finirà per accecarti.

Nel 1969 Captain Beefheart & His Magic Band pubblicano il terzo album, il doppio LP “Trout Mask Replica”. “Dali’s Car” è la folle traccia di improvvisazione chitarristica d’avant-garde che chiude il lato B.


A metà del 1984 Peter Murphy e Mick Karn (bassista dei Japan) si ritrovano orfani dei loro gruppi madre: due enormi talenti che sulla carta avrebbero potuto fare faville insieme. Purtroppo il progetto avrà vita breve e darà alle stampe un 12” e un album (The Waking Hour), magnifico esercizio di stile in bilico tra la new-wave e la word music.

Il disco si presenta avvolto da una splendida copertina (il quadro Daybreak dell’artista Maxfield Parrish, curiosamente utilizzato anche dai Moody Blues per l’album The Present uscito l’anno precedente – forse il loro ultimo lavoro degno di nota) ed è registrato in maniera magistrale, probabilmente grazie alla meticolosità in sala di incisione dell’ex-Japan.

Curiosamente i nostri non si incrociarono mai in studio preferendo registrare le proprie parti singolarmente, dunque di fatto ci troviamo di fronte a un disco solista di Karn con un ospite d’eccezione alla voce. Eppure il tutto funziona egregiamente. Anticipato dal singolo The Judgement Is the Mirror l’album contiene delle vere e proprie perle come His Box, brano con cui nostri si presentarono anche in televisione per un’intervista e un mezzo playback.

Ma qualcosa non funziona: evidentemente in quegli anni il carattere di Peter doveva essere particolarmente spigoloso, dato che – nonostante la gavetta con un leader/padrone nonché primadonna come David Sylvian – anche Mick dovrà cedere di fronte all’ego spropositato di Mr. occhi di ghiaccio. I Dali’s Car dunque non porteranno il progetto in tour, venderanno una manciata di copie e si scioglieranno nel giro di pochi mesi senza clamori. Il tentativo postumo di reunion nella prima decade del nuovo secolo verrà purtroppo prima frenato e reso poi vano dalla malattia e dalla morte di Karn stesso, lasciando ai posteri solo un EP (InGladAloneness) destinato per lo più agli estimatori incalliti del duo. Peccato.

Dali's Car 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!