New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Dana Gillespie: Spent the Day in Bed
Guardare sempre negli occhi come se non esistesse altro

Dana Gillespie
Spent the Day in Bed

Riappropriarsi del proprio tempo prima che sia troppo tardi.

Dana Gillespie, dall’alto dei suoi 75 anni, ha attraversato decenni della storia della musica, lavorando con David Bowie (che inizialmente aveva scritto per lei il brano Andy Warhol), con Jimmy Page e con Sir Tim Rice (è stata la Maddalena a teatro per il Jesus Christ Superstar prima della sua trasposizione cinematografica) e ha ormai all’attivo un’infinità di album pubblicati in tanti anni di carriera.

L’attrice e cantante ha pensato bene di tornare con un disco di cover nel quale, grazie alla produzione di Marc Almond e Tris Penna, offrirà la sua versione di brani dei Green Day, di Leonard Cohen, di Bowie e molti altri.

Tra questi c’è anche Spent the Day in Bed, pezzo che il buon Morrissey aveva pubblicato nell’album meno riuscito della sua carriera, Low in High School, e che Dana ripropone donandogli l’incisività che in fondo mancava nella versione originale. Un’incisività che a pensarci bene viene aiutata dal momento storico che stiamo vivendo: il testo invita infatti a riappropriarsi del proprio tempo e a cercare di evitare di vedere i telegiornali che riescono solo a renderci impauriti e insicuri (« Smetti di guardare le notizie / Perché le notizie riescono a spaventarti / Per farti sentire piccolo e solo / Per farti sentire che la tua mente non ti appartiene»), insinuando nel nostro Io un senso di passività di fronte a eventi al di fuori del proprio controllo. Riappropriarsi del proprio tempo e del proprio pensiero, un’impresa disperata che sembra essere ormai una chimera per generazioni nate e cresciute in un sistema di sviluppo economico che determinava e indirizzava le scelte, che favoriva un appiattimento culturale e che oggi ci fa vivere momenti drammatici.

«[…] if it’s not love / Then it’s the bomb […] that will bring us together» cantavano gli Smiths nel 1987: sono passati tanti anni ma nulla sembra essere cambiato.

Dana Gillespie Morrissey Dana Gillespie 

↦ Leggi anche:
Traccia: Brigitte Calls Me Baby: The Future Is Our Way Out
Traccia: Die Zärtlichkeit: Ein kurzer Weg
Storia: Ecco gli Smiths: i ragazzi con la spina nel fianco
Traccia: Johnny Marr: Night and Day
Traccia: Morrissey: Love Is on Its Way Out
Traccia: Morrissey: Spent The Day In Bed
Traccia: Spiritual Front: Bigmouth Strikes Again

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!