New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Chiello: Limone
Achille Laur… ah no

Quando il cuore viene spremuto è il succo più aspro a uscirne.

Chiello, dallo scioglimento degli FSK Satellite (progetto condiviso con Taxi B e Sapobully, ma che negli anni di attività ha visto anche il passaggio di ThugNizü, Powv e YoungGucci), ha provato a trovare una propria via nella scena pop italiana senza però snaturare la verve e l’immaginario che da sempre caratterizzano la sua estetica.

Nel 2021 sono arrivate le collaborazioni con Madame, Sick Luke, Rkomi, Colapesce e Mace, prima di debuttare in solo con il riuscito Oceano Paradiso. Due anni dopo è stato il turno di Mela marcia, il suo secondo lavoro da solista e quest’anno colora insieme a Tedua Paradiso nell’ultimo album di Mahmood e con Coez Ruggine in quello di Mace.

Di questa primavera il suo singolo più recente, intitolato Limone, alla resa dei conti una struggente canzone d’amore tragico dove il Nostro (aiutato da un nutrito gruppo di collaboratori – dal produttore Mr. Monkey all’ex FSK Powv, dal violinista Fausto Cigarini al regista e compositore Tommaso Ottomano) trova la sua amata in dolce compagnia, sotto forma di figure femminili che, interscambiabili, lo lasciano in uno stato sempre più disperato, sotto la pioggia, fino a farsi colpire letteralmente al cuore da una delle sue metà.

Nulla poté il limone, «giallo canarino, aspro come il mio destino da buttare via, nel mare». La sfortuna di Chiello rende comunque impossibile negargli uno status di autore che sa guardare al classico con occhi nuovi, nel pieno delle sue chances, a 25 anni, e pronto a far vittime nell’ambito, pop, rap e – perché no? – nel movimento punk più docile, visto e considerato come spesso, ultimamente, questi due (una volta) estremi si attraggano.

Non agiamo con superficialità, screditando questa roba: Chiello ha costanza, gusto e idee. Crescerà, ancora, di molto, ma già per ora ci porta agrumi profumati in dono, e non è poco.

Chiello 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!