New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Busted Head Racket: Poor No More
Il trenino in giardino

Busted Head Racket
Poor No More

Due minuti a bassa fedeltà in direzione egg punk.

I Busted Head Racket sono un trio rock’n’roll a fedeltà bassissima, direttamente da Newcastle, cittadina costiera poco più a sud di Sidney. Nati come un progetto solista di Arden Guff, che nella band è spina dorsale e strumentista per quanto riguarda basso e voce. Oltre a lei il progetto si è allargato al tastierista Dave Cunningham e al batterista Riley Gardiner. Per ora le loro registrazioni si limitano a un EP di otto tracce intitolato Junk Food, prodotto da un’etichetta polacca specializzata in cassette (la Syf Records) che promette meraviglia all’interno del suo catalogo, e uno split con Teo Wise (musicista italiano che dovrebbe, al momento, essere di base in Germania, autore di stupende melodie).

Ma Poor No More ha la rabbia e la sporcizia che ci ricordavamo nei Doo Rag, la melodia delle Slits e l’acume delle Bikini Kills. Il fatto che sembri registrato in una lavanderia dimenticandosi di regolare i volumi nulla toglie al suo fascino, anzi, ne esalta le poche e geniali intuizioni. Questa è la vera musica punk, un rullante suonato nell’aia, il basso in sottoveste con i guanti di gomma, la voce che sembra essere ottenuta tramite una dieta di elio e Cheerios, una tastiera che pare viaggiare a zucchero filato rosa. Sono questi gli ingredienti che creano un singolo pop assolutamente irresistibile e che, purtroppo, nessuna radio passerà mai sulle sue frequenze.

Sapete com’è, no? Poi ci sarebbe il successo, il dover andare in studio, l’incidere, lo stampare, i rapporti con i media e la stampa. Per ora invece limitiamoci a giardino, atrio e video fatti male e con poco, poi si vedrà.

Busted Head Racket Arden Guff Dave Cunningham Riley Gardiner Busted Head Racket 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!