New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Dark Tranquillity: The Last Imagination
Il danno è ancora fatto

Dark Tranquillity
The Last Imagination

(Dark) tranquilli: l’immaginazione è forse a fine ma non ancora esaurita.

Da un certo punto di vista, i Dark Tranquillity possono ben considerarsi un patrimonio culturale svedese: stelle (tra le più brillanti) del melodic death che tanto ha splenduto a fine Novanta. La formazione di Göteborg è degna di rispetto e ha tanti meriti storico-musicali di sicuro marchio specifico. E nonostante il fatto che quella luce si sia pian piano affievolita, le aspettative sono sempre alte.

Vero è infatti che, con i cambi di formazione che hanno minato l’efficacia degli ultimi dischi, le cose si sono fatte un po’ più più mitigate e non è certo con quell’estremo entusiasmo (che è durato incontaminato almeno fino alla fine degli anni Duemila) che si può accogliere un nuovo capitolo della formazione capitanata dal maestro del growl Mikael Stanne. Endtime Signals uscirà il prossimo 16 agosto via Century Media Records e qui, a sentire il nuovo singolo The Last Imagination, però, non possiamo certo trattenere quell’eccitazione che è propria di una creatura per cui si prova davvero qualcosa, ancora dopo tanto tempo.

Arricchito certamente da una grafica illustrata degna di nota (Niklas Sundin), capace di ricreare un mood fiabesco e profondamente malinconico, il pezzo conferma che si può ancora credere nel tocco melodico di una formazione che ha contribuito a plasmare le emozioni che il metal nordeuropeo è stato (e forse è ancora) capace di offrire.

Parlottando ancora di quella tenacia a sfuggire al nichilismo imperante della civiltà umana, l’architettura dei Dark Tranquillity si tesse di tocchi di tastiera, riffing serrati e gode della potenza espressiva di Stanne: elementi, questi, che bastano – seppur nella formula consueta di singolo senza grandi fronzoli – per poter chiudere gli occhi ed essere ridestati dai ricordi di Damage Done e Character, assaporando di nuovo una freschezza compositiva di sicuro spessore. Non siamo più a quei livelli, ma pezzi così sono ancora manna del cielo sia per i fan che per i neofiti.

Dark Tranquillity Mikael Stanne 

↦ Leggi anche:
Traccia: Dark Tranquillity: Forward Momentum
Traccia: Dark Tranquillity: Remain in the Unknown

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!