New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

KMFDM: Let Go
Meglio il crestino che il riporto

Dieci per quattro quarti in cassa dritta.

Quarant’anni più uno, mica pochi. Eppure i KMFDM continuano a stupire. Per molti ormai sarebbe l’età della pensione, del riposo, al massimo di un paio di concerti amarcord dove ritrovarsi tra vecchi superstiti. E invece no, manco per niente: si festeggia alla grande pubblicando un nuovo album, il diciottesimo in studio.

Let Go brilla per mille motivi. La coerenza con il percorso artistico dei tedeschi, la coesione tra i brani, la produzione mai banale. Soprattutto la qualità degli arrangiamenti, che riescono a mantenere sempre il giusto equilibrio tra electro d’assalto e orecchiabilità, aggressività e popperìa. Insomma qualcosa che gente come i Rammstein ha imparato bene a ricopiare come si deve (pur mettendoci molto del suo sia bene inteso).

La title track è un esempio lampante dell’incredibile stato di grazia in cui la band continua imperterrita a sguazzare: se la fase metallosa più dura è messa un po’ da parte, è quella più danzereccia a farla da padrona, con quel flirtare continuamente con il future pop e la darkwake più romanticamente elettronica. Il risultato è un brano meno duro rispetto a ciò a cui ci avevano abituato negli anni Novanta e nel primo decennio degli anni Zero: una mutazione che si era già fatta vedere nei due dischi precedenti, ma che non va letta come un banale ammorbidimento del sound. Siamo di fronte all’aggiornamento dello stesso, e finché la qualità rimane a questi livelli non c’è nulla di cui ci si possa lamentare. La voglia di continuare a mettersi alla prova a livello compositivo della band è encomiabile, alla faccia di tutti quelli che a una certa si siedono e vivono esclusivamente del loro passato.

Probabilmente Let Go è il manifesto di questa nuova, splendida era della leggenda KMFDM.

KMFDM Rammstein 

↦ Leggi anche:
Storia: 2001, Mutter: il capolavoro dei Rammstein è maggiorenne
Traccia: Lindemann: Steh auf
Traccia: Rammstein: Deutschland
Traccia: Rammstein: Zeit
Traccia: Subway To Sally: Was Ihr Wollt
Traccia: Till Lindemann & David Garrett: Alle Tage ist kein Sonntag
Traccia: Till Lindemann: Entre dos tierras
Traccia: Till Lindemann: Ich Hasse Kinder

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!