New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Lola Young: Wish You Were Dead
Fatele voi, se vi riesce, le foto meno mosse di così, in metropolitana!

L’autofocus come terapia.

Una vita disegnata dalla madre come se non ci fosse un piano B. La prestigiosa BRIT School per iniziare giusto senza pressioni, il botto presto con una cover di Philip Oakey e Giorgio Moroder selezionata per il John Lewis Christmas Advert del 2021, cascate di endorsements da parte di svariate celebrity per le anteprime dei suoi nuovi pezzi su TikTok, cover page patinate su British Vogue e la conseguente (probabilmente prematura) candidatura a BRIT Rising Star. Insomma, gli ingredienti affinché i buoni, vecchi critici radical chic della scuola purista alzassero dubbiosi il folto sopracciglio tenendosi a distanza di sicurezza da Lola Young in quanto potenziale prodotto pop preconfezionato a tavolino c’erano tutti.

Eppure Nick Shymansky – che aveva dolorosamente chiuso con il complicato mestiere di manager di artisti disagiati dopo non essere riuscito a convincere Amy Winehouse a tornare in rehab (sappiamo tutti poi com’è finita) – è risorto dal suo prepensionamento autoimposto proprio per aiutare la poco più che ventenne londinese a trovare la sua strada. Eppure Malay – il producer di Frank Ocean – ha deciso di lavorare con lei. Eppure – questo conta, alla fine – poco meno di un anno fa My Mind Wanders and Sometimes Leaves Completely suonava così sincero nel suo raccontare depressione, ansia adolescenziale e un inevitabilmente complicato rapporto con la sua ufficialmente diagnosticata patologia di disordine schizoaffettivo per mezzo di una burrosa grandeur di modern soul. Insomma, gli indizi perché montasse il sospetto che dietro questa ragazzina leggermente sovrappeso con il viso cosparso in pari quantità da lentiggini e piercing ci fosse qualcosa di più, anche quelli non mancavano.

O, se non “di più”, se non altro qualcosa di diverso da una semplice nuova Adele piena di lividi dovuti a relazioni ancor più tossiche, da una Kate Nash che canta su una base di Yves Tumor: una Lily Allen senza peli sulla lingua condita da un pizzico di Kae Tempest 2.0, una Jess Glynne malata di un feroce, furioso talento difficile da tenere a bada, capace di sterzare (più o meno a caso) in qualunque direzione senza perdere minimamente di efficacia.

Sì, perché il punto è questo: dimenticatevi le atmosfere candite e aeree dei primi singoli – c’è una nuova Lola Young in città. La trovate dentro quella vecchia lavanderia a gettoni in fondo alla strada, di notte, dopo l’orario di chiusura, insieme a tutta una vera e propria rock band con tutti i crismi che l’ha okkupata, come fosse un Leoncavallo qualunque, per usarla come sala prove. È solo un singolo stand-alone, per ora, ma questa Wish You Were Dead, affilata e spigolosa, suona come una bombetta puzzolente lanciata in mezzo al corteo di quelli che la vorrebbero più allineata a logiche di mercato standardizzate. Inizia come una filastrocca R&B in cui la sua voce (tecnicamente ineccepibile nel suo essere ancora vagamente acerba) fa quello che vuole e nel giro di due battute ti stampa un ritornello senza rincorsa come avrebbe potuto fare King Krule se avesse suonato con le Elastica.

Data l’età, giustamente, non smette di mettersi in discussione, ma l’impressione forte è che inizi a sapere come disegnare i propri contorni, mai vissuti come confini, ma solo come quella sottile linea oltre la quale le cose sfocate iniziano a prendere forma.

Lola Young 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!