New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Isabelle Adjani (feat. Peter Murphy, Pascal Obispo): Japan Airlies
Bella e Lugosi

Isabelle Adjani (feat. Peter Murphy, Pascal Obispo)
Japan Airlies

Intervista col vampiro.

Isabelle Adjani sarà per sempre ricordata come l’attrice splendida che ha fatto innamorare registi, pubblico e critica. Perché questo ha saputo fare egregiamente in 69 anni di vita: recitare. Eppure il suo amore per la musica non è mai stato un segreto. Nonostante, infatti, in molti ormai se ne siano dimenticati, il suo omonimo primo e – fino a ora – unico album del 1983 aveva ricevuto un discreto successo, grazie a una manciata di canzoni piacevoli e ben interpretate.

Ci sono voluti quarant’anni per dargli un seguito, ma basta un ascolto superficiale per capire che stavolta ne è davvero valsa la pena. Il disco, Adjani Bande Originale, contiene una dozzina di brani per altrettanti duetti con vere e proprie leggende della musica. Si passa da Simon Le Bon a Seal, da Youssou N’Dour ad Akhenaton, ma a colpire di più – per diversi motivi – è la collaborazione con Peter Murphy.

Le condizioni fisiche e mentali del fu magnetico non sono delle migliori ultimamente. Una vita passata tra trip spirituali e metanfetamine a colazione lascia il segno (e stavolta il suo comportamento ha davvero infilato il paletto di frassino nel cuore dei Bauhaus), e ci si chiedeva se la sua voce (il vero strumento per incanalare la sua arte, altro che i suoi quadretti da seconda elementare venduti a caro prezzo ai fan più paraocchiati) fosse ancora in grado di trasmettere emozioni.

Bene, Japan Airlies – splendido gioco di parole – spazza via ogni dubbio: Peter ancora c’è, ed è un piacere per le orecchie e l’anima sentirlo danzare vocalmente con Isabelle, e sentire ancora quel tono baritonale caldo e vero (sugli alti ci andrebbe un po’ un punto di domanda chiamato autotune) capace di smuovere lo stomaco, mentre la delicatezza di lei carezza la schiena. Un brano “leggero”, stiloso e piacevole, che grazie alle musiche di Pascal Obispo trova nel suo essere intimista e poco boombastico l’equilibrio perfetto tra queste due forti personalità.

Isabelle Adjani Peter Murphy Bauahus Pascal Obisco Isabelle Adjani (feat. Peter Murphy) Isabelle Adjani (feat. Peter Murphy Pascal Obispo) 

↦ Leggi anche:
Traccia: Ask the Dust: Dark Entries
Traccia: Bauhaus: Drink the New Wine
Traccia: David J & Comrades: Albino Dog
Traccia: Mike Squires: Deadly Toxic Nucular Deth

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!