New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

High Llamas: Hey Panda
Un animale in via d'estinzione

Poche cose, fatte con poco. Fatte bene.

Un parco, il sole, un panda ballerino, melodie cristalline e tre minuti e mezzo di luce. Date un elenco telefonico a quest’uomo e vi restituirà un’enciclopedia pop.

Con il primo album da sessantacinquenne Sean O’Hagan continua imperterrito a ricamare arie perfette che – nonostante l’esiguità delle note – potrebbe realmente aver inventato lui durante la sua carriera. Il fatto che, come questa, siano sempre stupende e mai banali è forse il motivo per il quale il Nostro rimane in auge.

Arrangiamenti minimali, coretti primaverili, la voglia di prendersi per mano e saltellare in un prato. Qui forse rischia anche di diventare oggetto di tendenza, con qualche passo accennato dalla giovane in veste di plantigrado. Del resto, bastano le scarpe giuste ai piedi per sentirsi attratti dal potere della musica. Soave, leggera, ottima per iniziare a fare le prime giravolte in maniera lenta e leggiadra, prendendo via via confidenza. Una, due, tre volte di fila, sentendoci panda, sentendoci lama, sentendoci amici. Semplicemente una sicurezza, una canzone dopo l’altra.

Poche cose, fatte bene, come la torta di mele, la pasta fatta in casa, i singoli degli High Llamas.

High Llamas Sean O'Hagan 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!