New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Mick Mars: Loyal to the Lie
Rieccomi, dal regno dei non morti

Un nuovo assaggio per ricordare i Mötley Crüe che nessuno ama ricordare.

Dopo le polemiche, le accuse, le denunce e i deliri tra Mick Mars e i suoi ex compagni nei Mötley Crüe, lasciamo che sia la musica a parlare. Ma prima due considerazioni. Parrebbe ormai scontata una carriera solista di un veteranissimo dell’hard’n’heavy, a 72 anni, poiché siamo negli anni in cui il motto rock and roll will never dies è infatti impersonato fisicamente da una sempre più fitta schiera di redivivi, ritornanti e residuati bellici rimessi in carreggiata da qualche piccola etichetta con molto entusiasmo e pochi soldi. La “rinascita” di Mick Mars, tuttavia, è più una non morte.

Dalle rivelazioni del testamento dei Mötley Crüe, The Dirt, sappiamo che quel corvaccio tetro e di poche parole – accanto al trio di bellocci senza causa né morale (Nikki Sixx, Vince Neil e Tommy Lee) – aveva delle valide ragioni per risultare così scostante e defilato: una grave e rara malattia alle ossa che ha iniziato a imboccare il suo corso degenerativo proprio ai tempi del successo della band. Per anni Mick Mars ha nascosto il tutto, ma – a fronte delle confessioni nel libro – la sua tragica situazione ha sia costretto tutti a rileggere i suoi anni d’oro sulla cresta dell’onda glam metal in una chiave meno scanzonata e dissoluta, sia – soprattutto dopo la rinascita commerciale dei Crüe (proprio a seguito del successo di The Dirt, biopic su Netflix inclusa) – portato a chiedersi come facesse a resistere, sin dal 2002, ancora un altro giorno in piedi su quei palchi infuocati.

Sorprende che persino oggi Mick non molli la presa. Il gruppo l’ha sostituito con il professionale e sempre più prezzemolante John 5 (che è un talento assoluto, sia chiaro) e lui potrebbe finalmente “godersi” i suoi ultimi anni di agonia, mentre invece no, realizza un EP in solitaria e accusa il gruppo di fregargli la memoria. Da Loyal to the Lie, primo morso, possiamo intuire che lo stile riprende proprio quella via moderna tentata dai Crüe negli anni Novanta e ormai rinnegata quasi totalmente.

La verve creativa di Mars sembra ancora, come in questi anni, perfettamente in salute. Inoltre ha avuto la fortuna di trovare un singer possente e decisivo come Jacob Bunton, versione anabolica e giovanile di, guarda caso, John Corabi.

Mick Mars Mötley Crüe 

↦ Leggi anche:
Storia: 1994: Mötley Crüe punto e a capo
Traccia: Sixx:A.M.: Rise Of The Melancholy Empire

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!