New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Imperial Triumphant: Motorbreath
I tre cavalieri dell'apocaliss… ah no.

Hetfield de-composto.

Il caos, secondo alcune antiche cosmologie greche, rappresenta il complesso degli elementi senza ordine che precede il cosmo, ovvero l’universo ordinato. Va da sé, dunque, che senza caos non esiste l’ordine, e che l’ordine è di per sé formato dal caos. Dipende molto da come e quando si guardano le cose.

La cover dei geniali Imperial Triumphant del classico prototrash Motorbreath dei Metallica (presente sul loro seminale debutto, Kill ‘Em All) è la trasposizione in musica di questo concetto. Se a un primo ascolto distratto il tutto sembra semplicemente ridursi a cinque minuti senza capo né coda, dopo pochi passaggi il puzzle comincia a ricomporsi ed è assolutamente un’esperienza grandiosa, verrebbe da dire illuminante. Nonostante non sia palese, c’è tutto: semplicemente è dilatato, filtrato da black metal, avantgarde, free jazz, improvvisazione calcolata, come se il pianeta del brano originale fosse imploso fino a creare con i suoi detriti una nuova galassia, lasciando al centro un’enorme stella nera eppure scintillante.

Chiamarla banalmente cover sarebbe un’offesa nei confronti della musica tutta: questa è Motorbreath sparata in una quarta dimensione sonora da brividi. Si astengano i puristi: potrebbero rimettere la merendina della quarta elementare.
Ma per tutti i curiosi della musica “altra”, qui c’è un Eden tutto da scoprire.

Nota al margine: Motorbreath è uno degli unici due brani in cui Lars Ulrich non è nei crediti e – assieme a Hit the Lights – è stata scritta da James Hetfield e Hugh Tanner ben prima della nascita dei ‘Tallica, quando erano nei Leather Charm assieme a Ron McGovney (suo il basso su No Life ‘Till Leather).

Imperial Triumphant Metallica 

Ricevi le newsletter di Humans vs Robots. Scrivi qui sotto la tua mail e clicca "Iscrivimi".

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!