New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Green Lung: The Forest Church
Stoner da H&M

Paganesimo alla moda, di quello che viene bene nelle foto.

Una roba fatta apposta per coloro che vedono nella sigla HM il noto brand di abbigliamento a basso costo piuttosto che l’heavy metal (o che comunque riescono a contemplare il fatto che nei video pop compaiano chiodi e borchie). Il nuovo lavoro dei Green Lung li avrà sicuramente colpiti. Si aggiunga la postilla: sinceramente non capiamo perché venir bene nelle foto, per un gruppo heavy metal, possa essere un peccato così mortale.

In altri termini: in casi come questo, le mode contribuiscono a creare un bel prodotto musicale per davvero. Occult rock e stoner doom si mescolano bene in questi ultimi tempi. E i Black Sabbath dell’era Ozzy passano ancora per radio e ci guardano dalle magliette vintage più in voga. Già con i Blood Ceremony abbiamo avuto pane per i nostri denti sabbathiani, ma con This Heathen Land possiamo davvero rendere grazie agli dèi e godere dei fasti di ciò che fu e che ancora ritorna.

Nella opener, The Forest Church, sentiamo come i Ghost e il loro appeal poppeggiante abbiano inevitabilmente influenzato la tendenza affabile dell’heavy metal contemporaneo. Senza renderlo all’appannaggio del mero singolone d’assalto: strizzare gli occhi all’immediatezza non vuol dire dimenticare il retroterra magico del metal pagano, del riffing scuro tonyiommiano, il groove stoner e la voce memore dell’insegnamento dei grandi metal singers.

A Londra si macina stoner doom, soprattutto nella seconda casa di Lee Dorrian, ovvero a Rise Above, dove ci si immagina si ritrovino per l’aperitivo in coppe ossute, in compagnia di teschi ricolmi di tesori medievali e pergamene da streghe della foresta, gli Uncle Acid and the Deadbeats, i Graveyard, i Witchcraft e altri compari nordeuropei. Uniti per far festa e inneggiare a qualche dio o demonio boschivo.

Che poi vadano in giro vestiti con abiti da H&M, in casi come questo, e non con desueti cenci da cosplay di seconda mano, forse, è solo un punto a favore.

Green Lung Blood Ceremony 

↦ Leggi anche:
Blood Ceremony: The Rogue's Lot
Blood Ceremony: Power of Darkness

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 1 persone!