New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Blood Ceremony: Power of Darkness
Fascino d'occulto e camere ammobiliate

Blood Ceremony
Power of Darkness

La conferma che il rock’n’roll ha fatto bene a vendere la propria anima ai piani bassi.

Affascinanti come i misteri occulti, i Blood Ceremony hanno passato gli ultimi anni a passeggiare tra i confini del passato e del presente della musica heavy. Formatisi a Toronto nel 2006, sono stati rapidamente annunciati come un gruppo retro-rock di alto profilo, armati com’erano di un suono che incorporava la potenza guidata dai riff doom, il bagliore stordito e il calore psichedelico, la fiaba timbrica del flauto, il tutto rimescolato dalla magia dell’acid folk e del prog radicale.

Insomma, tutto come era nei mitici anni Settanta. Che poi uno dice che si è troppo “moderni”. Ed è stato, ad esempio, in compagnia degli amici Uncle Acid & the Deadbeats (anch’essi al passo con i tempi rétro), che i canadesi, capitanati dalla mistica Alia O’Brien, sono tornati recentemente nel nostro paese a far ricordare tutti di che pasta è fatto il loro flute-tinged witch rock.

Sono passati sette anni dall’ultima volta che i Blood Ceremony hanno pubblicato un disco completo, ma tutto sembra al posto giusto per colpire nel segno: infatti il loro quinto album (The Old Ways Remain) fa indubbiamente centro. Questo grazie a intuizioni di songwriting preciso e mai troppo “fuori tempo massimo”. A tal proposito, Power of Darkness è un po’ il singolone che si offre come baluardo della potenza espressiva del lotto.

Classico esempio di pop rock occulto e velenoso, offre l’aspetto più diretto e radio friendly del nuovo lavoro e mantiene un’atmosfera fascinosa che stuzzicherà non poco l’interesse di tutti i fan del genere. L’organo è al suo posto e la voce e il carisma della O’Brien spiccano ancora una volta come un fiore unico. Un fiore del male, ovviamente.

Blood Ceremony Alia O'Brien 

↦ Leggi anche:
Traccia: Blood Ceremony: The Rogue's Lot

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!