New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

TesseracT: War of Being
Gente a cui non piace il 4/4

Essere uomo o essere macchina? Questo è il problema.

Ci sono musiche che riflettono la parabola tecnologica nella quale ci troviamo. In particolare, il blend tra esseri digitali “senzienti” e vecchi umani. Anche il metal ha dovuto cercare di stare al passo con i tempi e qualcuno, qualche anno fa, l’ha vista lunga. Senza necessariamente entrare nella disamina di cosa è djent e cosa non lo è, rimane il fatto che i britannici TesseracT hanno contribuito ad ampliare lo spettro tecnico (e tecnologico) del progressive tanto caro alla loro terra.

A cinque anni dall’ultimo Sonder, infatti, ci troviamo con un nuovo disco il cui artwork – che presenta i caratteri “ex” ed “el”, protagonisti del precedente concept – è stato creato in collaborazione tra un’intelligenza artificiale e l’uomo come mezzo per estendere il concetto nella sua presentazione. E così anche il video in Unreal Engine che fa da sfondo (o forse molto di più) al nuovo singolone cinematografico War of Being.

Acle KahneyDaniel TompkinsAmos WilliamsJay Postones e James Monteith continuano le peregrinazioni narrative lasciate in sospeso. L’astronave Dream è precipitata e i protagonisti Ex e El si sono risvegliati per ritrovarsi in Strangeland, ad affrontare un nemico conosciuto semplicemente col nome di Fear. I due vengono separati e così inizia un nuovo viaggio in questo nuovo territorio, probabilmente popolato da samurai che si scontrano in uno sconfinato deserto planetario, mentre i musicanti se la giocano a furia di partiture sghembe, in questa nuova suite di oltre dieci minuti.

Che forse questo non sia il futuro della musica con le chitarre distorte è anche probabile. Che però non finisca per riconoscere ai comunque ancora giovanotti (nella musica si resta giovani anche dopo vent’anni di attività, a volte) tesseratti lo status di icone metal della nuova generazione è assai improbabile. E una fanbase come la loro farà davvero fatica a cedere lo scettro di paladini del nuovo progressive a qualcun altro.

TesseracT 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!