New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Gintsugi: Hex
Pensiero, lasciati catturare!

E venne il giorno in cui i dinosauri furono rimpiazzati dai topi.

Gintsugi, polistrumentista italo-francese, si sta lentamente avvicinando al suo primo album, e lo sta facendo con una serie di brani nei quali mette in mostra la sua proposta di art pop con venature elettroniche e una certa, interessante ricerca lirica.

Hex è il suo nuovo singolo – scritto alla chitarra ma poi riarrangiato utilizzando pianoforte, violino e sintetizzatore –, è nato un po’ di tempo fa e ironicamente si ispira a quelle figure politiche che negli ultimi tempi sembrano riuscire a canalizzare un elettorato che raccoglie anche svariate figure che si pensava fossero ormai superate: il cattolico integralista (difensore della famiglia tradizionale e della legge di Dio), il negazionista social (il COVID è un’invenzione, così come il cambiamento climatico), il nostalgico uscito allo scoperto (Putin ha ragione e tutto sommato neanche il pelatone era poi così male), il reazionario e aspirante intellettuale di destra (regola principale? Minimizzare e ripetere le stesse cose all’infinito).

«This is my hex on a T-rex / You’re a dinosaur and as them you’ll soon be extinct» canta Gintsugi nel ritornello, anche se non ne sarei così sicuro che ci troviamo di fronte a dinosauri prossimi all’estinzione: l’appiattimento culturale e la banalizzazione di ogni elemento di crescita sociale al momento gioca a loro favore. Come in una forma embrionale della visione dispotica che George Orwell raccontava in 1984, la memoria e il linguaggio perdono ogni giorno sempre più valore, mentre la scelta di creare falsi problemi e fantomatici nemici (il migrante, il drogato, la famiglia omosessuale, lo zingaro) sembra voler distogliere, aizzare e indirizzare le masse in un catartico momento dell’odio ben più lungo di due semplici minuti.

Cara Gintsugi, mi spiace ma forse ti sbagli: non sono grossi rettili che stanno per scomparire, ma piuttosto topi che hanno alzato la testa, pronti a infettare il mondo.

Gintsugi 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!