New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Faye Webster: But Not Kiss
Il saggio di fine anno

Amare, un’inestinguibile contraddizione.

Due anni fa Faye Webster si poneva due domande sul deleterio potere della solitudine e sull’oblio psicologico di un amore non corrisposto. Scorie della pandemia che copulano con la barbara indole di un sentimento tanto forte quanto tortuoso: qualcuno soffre, qualcuno gioisce – o rimane indifferente.

Erano scarabocchi dell’anima abbozzati in Better Distractions, così puri e fragili: c’era quasi da aver paura a toccarli con un innocuo bastoncino di legno. Eppure, oggi, la songwriter di Atlanta sembra aver riacciuffato un equilibrio quasi ineluttabile e una voglia di rappresentare l’amore non più con il cuore ammollato nelle rischiose sabbie mobili di un legame che si crea, ma con occhi distaccati, pronti a osservare il generarsi delle farfalle nello stomaco, nascosti dietro la sicurezza di uno spioncino.

But Not Kiss è ciondolante contraddizione, un romanticismo crescente che si spiaccica con violenza su un muro di freddezza, l’affresco distaccato di una sofferenza pregressa: amare richiede del tempo, soprattutto se si è già capitati nel lato scomodo dell’altalena, e questo Faye Webster lo traduce in piccoli, potentissimi contrasti, nella conflittualità delle parole – «I want to see you in my dreams but then forget / We’re meant to be but not yet» – seguita come un segugio dal botta e risposta strumentale, lieve e dolce quando i power chords puliti esternano la volontà di esporsi, evanescente e dispersiva – tra rintocchi di pianoforte che paiono gocce di pioggia a raffreddare i bollori – nel momento in cui la mano tesa inizia a tremolare e si ritrae, favorendo il tentativo degli «yeah, yeah» – a mo’ di refrain – di esorcizzare un’invisibile tensione interiore.

Che la Webster fosse una delle punte di diamante di quel folto gruppetto di ragazze solennemente devote all’indie pop/folk – Soccer Mommy, Snail Mail, Phoebe Bridgers, tanto per citarne alcune – si era già capito da un bel pezzo, e But Not Kiss lo conferma. Anzi, certifica quel qualcosa in più che, sin dagli albori, luccicava prorompente dall’ugola di Atlanta.

Faye Webster 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!